Andreas Seppi: “I campi di Rio sono un po’ lenti, spero di giocare contro Rafa. Posso fare ancora qualcosa di buono”

Andreas Seppi: “I campi di Rio sono un po’ lenti, spero di giocare contro Rafa. Posso fare ancora qualcosa di buono”

Andreas Seppi, nonostante stia vivendo una stagione non proprio esaltante, è nella truppa azzurra alle Olimpiadi di Rio, sia in singolare che in doppio insieme a Fabio Fognini. L’altoatesino, reduce dalla sconfitta in Davis, ha rilasciato alcune dichiarazioni a SportFace, toccando tanti temi: dalle condizioni dei campi e del villaggio Olimpico, riguardo i quali è piuttosto critico, ai suoi obiettivi nel futuro prossimo, fino ai favoriti per il torneo.

A poche ore dall’inizio del torneo Olimpico di Rio de Janeiro, Andreas Seppi ha rilasciato una lunga e interessante intervista al portale SportFace.it, in cui ha toccato numerosi temi. L’altoatesino, giunto in Brasile insieme alla truppa azzurra, disputerà sia il torneo di singolare che quello di doppio, in coppia con Fabio Fognini. Nonostante non stia vivendo la stagione migliore della sua carriera, Andreas è impaziente di scendere in campo, con un primo turno non troppo complicato e la possibilità di sfidare Rafael Nadal al secondo turno; ecco dunque le dichiarazioni dell’attuale numero 3 italiano.

STO BENE FISICAMENTE, HO AVUTO TEMPO PER ALLENARMI? I MIEI OBIETTIVI? RIENTRARE IN TOP 50″- La prima domanda, ovviamente, non può che riguardare la sua condizione fisica, che gli ha impedito in più frangenti, in quest’annata difficile, di esprimersi al meglio. “Sto bene. Dopo la Davis ho avuto qualche problemino fisico e sono stato costretto a stare fermo, ma ho avuto anche il tempo per allenarmi prima di Rio. La cosa più importante è che sto bene fisicamente, e spero di ripartire proprio da qui. Chiaramente questa non è una delle annate migliori, anche in classifica ho perso posizioni. L’obiettivo dunque sarà recuperare la migliore condizione fisica, per poter dare il cento per cento in campo e ottenere qualche punto in più fino alla fine dell’anno, per riprendere una buona classifica. Fuori dai primi cinquanta spesso devi giocare le qualificazioni, quindi dovrò certamente recuperare posti nel ranking per entrare nei tabelloni principali”.

SPERO DI GIOCARE CONTRO RAFA. IL VILLAGGIO E’ PEGGIORE DELLE SCORSE EDIZIONI, I CAMPI SONO UN PO’ LENTI PER ME”- Passiamo ora alle imminenti Olimpiadi. Riguardo al sorteggio, l’azzurro ha affermato: “Si, il primo turno è abbastanza abbordabile. Spero ovviamente di poter giocare il secondo turno contro Rafa, sarebbe in ogni caso una bellissima esperienza, poi si vedrà”. E’ abbastanza critico, invece, sul villaggio Olimpico, che, stando alle sue parole, è in condizioni non ottimali: “Rispetto alle altre Olimpiadi che ho giocato, il villaggio è messo peggio. Negli appartamenti per esempio non c’è l’acqua calda, gli scarichi non vanno, insomma c’è qualche problema. I campi? Per i miei gusti sono un po’ lenti, avrebbero potuto essere un po’ più veloci; anche le palle sono molto lente, è difficile fare gioco, avrei preferito che tutto fosse un po’ più veloce.

DEVO RECUPERARE LA CONTINUITA’ FISICA, MA POSSO ANCORA FARE QUALCOSA DI BUONO”- Quali traguardi pensa di poter raggiungere nell’ultima parte della sua carriera? “Innanzitutto, come ho detto, è fondamentale stare bene fisicamente, perché se non riesco ad allenarmi e a stare bene in campo è difficile mantenere questo livello. Poi dovrò recuperare in classifica, per poter disputare i tornei principali. Credo che , per quanto riguarda unicamente il tennis, sto giocando meglio negli ultimi anni, almeno in campo. Mi manca però tutta la parte fisica, la continuità, gli allenamenti, e spero di ritrovare quello, perché di esperienza in carriera ne ho fatte tante e penso di poter fare ancora qualcosa di buono, se il corpo mi concederà qualche altro anno.

“I FAVORITI SONO DJOKOVIC E MURRAY, MA POTREBBE ESSERCI QUALCHE SORPRESA”- “Il favorito per il titolo è Djokovic, ma Murray è quasi alla pari, entrambi in fondo stanno vivendo una stagione eccezionale. Potrà esserci anche qualche sorpresa: Monfils ultimamente sta giocando molto bene, i francesi sono sempre pericolosi. Di Nadal ancora non si conoscono le condizioni, è da tanto che non gioca, spero di poterti dire di più se lo affronterò al secondo turno”.

“ABBIAMO MOLTI GIOVANI PROMETTENTI? UNA MEDAGLIA? PIU’ PROBABILE IN DOPPIO.”- Quale sarà, secondo Andreas, il primo giovane italiano ad entrare nei primi cinquanta? “Napolitano nell’ultimo periodo sta ottenendo ottimi risultati, nelle ultime settimane ha sconfitto in tornei sulla terra, che non è la sua superficie preferita, grandi giocatori, mi ha sorpreso un po’ e vuol dire che sta lavorando bene. Donati sappiamo che può giocare molto bene a tennis, deve però stare attento all’aspetto fisico, poiché anche lui ha qualche acciacco ogni tanto. Gaio ha qualche anno in più di loro, ma c’è tempo; se non arrivano al numero 24 arrivano al 28, insomma,  sono tutti ragazzi che possono entrare nei primi cento e anche nei primi cinquanta”. Che speranze abbiamo di vincere una medaglia azzurra nel tennis, come ha “chiesto” il presidente del CONI Malagò? “Credo che in generale ci siano più possibilità in doppio, sia per noi uomini che per le donne. In singolare servirebbe un’impresa, anche in campo femminile, ma se avessi due euro li punterei sul doppio: Errani e Vinci non giocano da tanto insieme, ma sono sempre una coppia che ha vinto tutti gli Slam”.

“SPERO CHE CECCHINATO NON SI PERDA”- Chiudiamo, infine, con una domanda sul caso di Marco Cecchinato, squalificato dalla FIT per avere truccato un match. “Purtroppo ne so troppo poco riguardo questa storia, ma resta sempre una brutta notizia. E’ uno dei ragazzi più promettenti che abbiamo, era appena entrato nei 100. Spero che non si perda in queste cose, o quantomeno che l’appello vada nel migliore dei modi perché abbiamo bisogno di giovani forti, e lui è tra questi”.

 

 

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Francesca Mazzitelli - 10 mesi fa

    Andreas mi stai simpatico ma non so se a te convenga incontrare rafa. ……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabrizio Cesari - 10 mesi fa

    Tanto Dove cazzo vuoi arrivare ee! !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy