Andy Murray non sta più nella pelle per l’ imminente nascita di suo figlio

Andy Murray non sta più nella pelle per l’ imminente nascita di suo figlio

Chiusa in bellezza la stagione 2015 con la vittoria storica della coppa Davis, Andy Murray è, ora in trepidazione per l’imminente nascita del suo primogenito. “Dopo anni passati pensando solo a giocare (non che ora non lo faccia più) senti la pressione e lo stress. Avere una vita, al di fuori del tennis, ti aiuta a distrarti ed a spegnere per un attimo il cervello”.

Chiusa, in bellezza, la stagione 2015 con la vittoria storica della coppa Davis, Andy Murray è, ora, in trepidazione per l’imminente nascita del suo primogenito. Il tennista scozzese sposatosi in kilt, dopo nove anni di fidanzamento, con al bella Kim Sears, nella cattedrale di Dunblane il 13 aprile di quest’anno, dice di non stare più nella pelle per l’attesa del piccolo Murray il cui arrivo è previsto per febbraio.

Si dice al settimo cielo. Soddisfatto ed entusiasta per i recenti avvenimenti della sua vita privata. “Dopo anni passati pensando solo a giocare (non che ora non lo faccia più) senti la pressione e lo stress” , dice Andy. “Avere una vita, al di fuori del tennis, ti aiuta a distrarti ed a spegnere per un attimo il cervello”. E, come accadauto ad altri suoi colleghi (Federer, Djokovic…) !questo ti aiuta a anche a rendere meglio in campo”.  Per questo il suddito di sua maestà dice pronto a scappare dalla terra dei canguri se il piccolo Murray dovesse nascere prematuramente. (L’australian open è previsto dal 18 al 31 gennaio. ndr).

Murray-Bjorkman
Non è un caso se, quest’anno, abbia spostato la preparazione invernale a Dubai. Meglio collegato al Regno Unito rispetto alla bella Miami. Nel frattempo ha, inoltre, ufficializzato la (prevista. Aggiungiamo noi) interruzione del sodalizio con Jonas Bjorkman, suo coach dal mese di agosto. La collaborazione con il tennista ex numero 4 del mondo era nata all’indomani della maternità della Mauresmo. Quando fu evidente che la tennista francese non sarebbe stata più in grado di seguire Andy a tempo pieno in giro per il mondo. Rientrata, quindi, in piena attività la Mauresmo era evidente il ritorno al passato.

Murray, tuttavia, non lesina parole di elogio per il tennista svedese definendolo una delle migliori persone del circuito. “Squisito, piacevole, molto professionale. Gli accordi con Jonas erando chiari”, dichiara lo scozzese. “Ci eravamo dati il termine di fine anno”. Ma, forse per la mancanza dei risultati sperati, nonostante il suo team sia ancora incompleto, Murray ha, comunque ufficializzato la rottura con il coach svedese.

“Quest’anno avrei potuto dare un aspetto ancora più vincente ad una stagione, già, fantastica. Sarebbero bastate due o tre vittorie in più per cambiarla radicalmente. Passerò sicuramente del tempo a guardara e riguardare alcune partite perse. In particolare la semifinale di persa a Shangai contro Novak Djokovic per 6-1 6-2 e la finale a Parigi Bercy, sempre contro il tennista serbo, persa con il punteggio di 6-2 6-4”.
Noi facciamo gli auguri ad Andy Murray per la prossima paternità e per una stagione vincente!

Di F.Messina

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy