Becker: “Sampras il migliore che ho affrontato. Federer difficilmente lo avrebbe battuto al top”

Becker: “Sampras il migliore che ho affrontato. Federer difficilmente lo avrebbe battuto al top”

Boris Becker nella sua autobiografia parla dei migliori tennisti della storia ammettendo come sia una perdita di tempo paragonare diverse generazioni. L’attuale coach di Novak Djokovic peró fa un’importante affermazione: secondo lui Federer contro Sampras al top non avrebbe potuto vincere. Voi che ne pensate?

Chiudiamo la trilogia dell’autobiografia di Boris Becker con queste dichiarazioni su chi fosse il miglior giocatore nella storia. Secondo l’ex numero uno del mondo, non non ci sono dubbi: il migliore è Pete Sampras.

“La gente mi chiede sempre circa i migliori giocatori della storia, e ora me lo chiedono ancora di più, forse perché sono vicino a uno di loro”, dice il nostro eroe in ‘Boris Becker e Wimbledon‘, il libro che racconta della sua carriera nello sport e il momento della vittoria all’All England Club, a soli 17 anni.

becker-sampras-img30540_678

Il migliore contro cui abbia mai giocato è stato Pete Sampras. Certamente ha avuto il miglior servizio contro di me ed è stato il miglior giocatore assoluto. Lui è stata la causa che ha smesso di farmi pensare di poter vincere a Wimbledon. Il suo presunto colpo debole, il rovescio, era abbastanza buono da sostenere il resto di colpi, e si muoveva talmente bene che era difficile anche arrivare a fargli colpire la palla di rovescio”.

 Becker: “No a Federer o Nadal!”

“La gente mi chiede se Federer avrebbe battuto Sampras. Hanno giocato solo una volta e Federer ha vinto, ma Sampras aveva già ampiamente superato il suo miglior momento. La cosa da ricordare è che il tennis inizia con l’unico colpo che non dipende dal tuo avversario, il servizio, e credo che Pete Sampras abbia avuto il servizio più bello di sempre”, sostiene Leimen a favore del giocatore americano, fino a quando non è entrato in scena lo svizzero.

roger-federer--pete-sampras-img16882_678

Federer è di gran lunga il giocatore di tennis di maggior successo di tutti i tempi, ha detto a Grand Slam, e Jimmy Connors ha più titoli in singolare, in partite di 5 set. Ma se avessero giocato contro Sampras nella sua perfezione, avrebbero potuto neutralizzare il suo servizio abbastanza bene da poter vincere? Ne dubito”, ripete Becker.

Non credo che sia possibile confrontare le diverse generazioni. Non ho mai giocato con Laver, ma è stato l’unico giocatore a vincere il Grande Slam. Dire che non è stato buono almeno quanto Federer non sarebbe giusto”, egli spiega.
E come ritiene Borg? “Ha vinto cinque Wimbledon dal fondo del campo! Hanno detto che non poteva farlo e lo ha fatto per cinque volte, e il più delle volte, dopo aver anche vinto l’Open di Francia, che è qualcosa in cui Federer è riuscito solo una volta e Nadal due, ma Borg ben 3 volte! Sì, è impossibile battere Nadal al Roland Garros, ma cosa sarebbe successo in un Borg-Nadal, con la stessa racchetta? A volte discuto di ciò con Novak “, dice Becker, che ha allenato il serbo nelle ultime due stagioni.

Becker: “Oggi mancano i grandi personaggi”

“Io non posso dire che McEnroe non era così bravo come Federer sull’erba, ma Federer ha vinto sette titoli contro i tre di McEnroe. Ho giocato contro di lui ed era un genio, ma io continuo a pensare che Sampras sia stato migliore perché non potevi giocare sul suo servizio. McEnroe giocava le volee molto bene, ma potevi giocare contro di lui, mentre contro Sampras non si potrebbe iniziare un rally, e quando iniziavi era così agile da spostarsi sul diritto e ti fulminava o subito veniva a rete per giocare la volee. Che cosa si potrebbe fare? Al massimo perdevi per 7-6 6-4 tutte le volte.

2A0729D900000578-3141790-image-a-1_1435442295768

 

Ma non finisce senza parlare anche del suo allievo, inserendolo tra i grandi, prattutto per la sua forza nella ripsosta al servizio: Il miglior ricevitore con cui abbia mai giocato è stato Andre Agassi. E ‘stato anche meglio di Jimmy Connors. Purtroppo non ho mai giocato contro Novak, ma dovrebbe essere molto vicino. Per esempio sul servizio di Raonic, la sua sincronizzazione è brutale, soprattutto dal lato del rovescio. Non so come si può fare contro uno dei migliori battitori del circuito “, dice l’ex numero uno del mondo.

Di A.De Paola

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy