Caso Sharapova: Bollettieri, Lansdrop e Tarango dicono la loro

Caso Sharapova: Bollettieri, Lansdrop e Tarango dicono la loro

Tre ex-allenatori di Maria Sharapova dicono la loro sul caso Meldonium che ha coinvolto la bellissima tennista russa, che secondo l’opinione di Tarpischev potrebbe andare in giudizio già a giugno.

3 commenti

Mentre Maria Sharapova, incerta sul suo futuro si gode le vacanze sulle spiaggie messicane e, contemporaneamente,  lancia una nuova linea di cioccolatini da affiancare alle già famose caramelle Sugarpova, il mondo del tennis e dello sport in generale continua a dibattere e ad interrogarsi sul recente caso di doping che l’ha vista coinvolta per avere assunto dosi di Meldonium. Il farmaco anti-ischemico a bassissimo costo utilizzato solo nei paesi dell’est, era consigliato dalla azienda produttrice, la Grindex, di nazionalità lettone, per periodi tra le  4 e le 6 settimane e non dieci anni, quanto la Sharapova avrebbe dichiarato di avere assunto il farmaco.  Anche tre dei suoi passati allenatori hanno detto la loro sul caso.

Secondo Bollettieri : “E‘ un caso che cambiera  lo sport in generale e non soltanto il tennis. Penso che lei ha fatto un errore molto onesto.  Ha dichiarato Bolletieri alla BBC.  Lei è sempre stata trasparente, in tutto,  un modello per tutte le giovani tenniste che volevano diventare campionesse.  Ha detto che ha assunto il meldonium per molti, molti anni e quindi non ha letto il recente memorandum dell’ITF.  Non credo che Maria Sharapova, sempre sotto l’occhio attento dei media, avrebbe continuato a fare uso di una sostanza considerata illegale. Tutti nella vita commettono un errore, lei ha ammesso di aver sbagliato, si è dichiarata colpevole e quindi merita una seconda possibilità. In fondo, si è dimenticata di leggere una mail: dovrà pagare per quello che ha fatto, ma la punizione non deve compromettere la sua carriera. Sono convinto che se Maria avesse saputo che quella sostanza era dopante, avrebbe subito smesso di prenderla. “

Nick Bollettieri e una giovanissima Maria Sharapova
Nick Bollettieri e una giovanissima Maria Sharapova

Secondo il primo coach di Maria, Robert Lansdorp che conduse l’undicenne Sharapova a vincere 6 anni dopo il torneo di Wimbledon la Sharapova non avrebbe mai mentito. Ed è vittima delle gelosie. Rimasto ancora oggi in stretti rapporti con la russa, Lansdorp dice: Non credo abbia fatto uso del meldonium essendo consapevole della sua illegalità. Dice il mentore di Maria. È impossibile. In nessun modo lei avrebbe potuto imbrogliare.  Mai credo che Maria con una immagine planetaria da difendere che oltrepassa i confini dello sport avrebbe corso il rischio di assumere una sostanza dichiarata illegale. I problemi cardiaci? Non sapevo niente”ha detto Lansdorp al Daily Mail.

.

Robert Lansdorp ha allenato Maria dall'età di undici anni. Conducendola fino alla vittoria di Wimlbedon a soli 17 anni
Robert Lansdorp ha allenato Maria dall’età di undici anni. Conducendola fino alla vittoria di Wimlbedon a soli 17 anni

Secondo Jeff Tarango, infine, si dice davvero scioccato: “Sono rimasto molto sorpreso. L’ho incontrata con le mie figlie e lei non assolutamente detto nulla. L’annuncio ha sconvolto tutti “. Il 47enne ex giocatore californiano però si è dichiarato sicuro che la Sharapova non sapeva che Meldonium sarebbe diventato una sostanza vietata dal 1° gennaio 2016: ” E’ credibile. Se lei non legge le dichiarazioni di ITF, i suoi membri del team dovrebbe farlo. Lei è impegnata con gli allenamenti ed i tornei. Paga il suo entourage quasi 1 milione di dollari anche per queste cose”.

Intanto è in attesa del giudizio da parte dell’ITF, dove rischia ora una squalifica da due a quattro anni. Tarpischev, presidente della Federtennis russa ha fatto sapere alla Tass che la tennista “potrebbe andare in udienza a giugno”, aggiungendo di “non avere informazioni ufficiali, la mia è solo un’opinione”.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paolo Polo - 1 anno fa

    Praticamente ha iniziato a 19 anni a prenderlo. Un farmaco specifico per chi è scampato dalla infarto ed è malato di angina pectoris. Non proprio adatto per una giovane sportiva. Secondo voi una persona normale che ha dei malditesta e un presunto diabete va a comperare queste fiale in Lettonia con l aereo perche in USA sono vietate . i motivi veri quali sono? Dato che ancora non erano vietate uno è libero di inghiottire qualsiasi cosa che vendono in farmacia anche se sei sano .bollettieri non si meraviglia di niente?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabrizio Messina - 1 anno fa

      il problema sarà quando salteranno fuori atleti maschi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Claudio Salvini - 1 anno fa

    ma molto semplicemente… “PERCHE’ HA SEMPRE FATTO USO DI MELDONIUM? UN FARMACO ANTI ISCHEMICO?… DAI RAGAZZI, BASTA BUONISMO!”

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy