C’era una volta il rovescio ad una mano…

C’era una volta il rovescio ad una mano…

Quello che ha inventato il tennis, se ha pensato anche al rovescio ad una mano, sicuramente sperava che qualcuno un giorno lo avrebbe fatto come Federer.

19 commenti

C’era una volta il rovescio a una mano. Il suo. Quello del Maestro Roger Federer.

E’ uno di quei rovesci classici, uno di quelli che si fanno tutta una vita. Però questo è diverso. E’ di quelli che, quando lo fanno vedere al rallentatore, non ti permette di distogliere lo sguardo mentre accenni un sorriso che si completa quando finisce di eseguirlo.

Un rovescio che obbligano i commentatori stessi a smettere di parlare per gustarselo in tutto il suo splendore.

Un rovescio che nasce appoggiando il tallone destro a terra, lasciando poi cadere il resto del piede mentre si carica la racchetta indietro. Spalle perfettamente allineate. Bacino immobile. Polso con cui si tiene la racchetta fermo. Colpire nel punto più preciso della stessa. La mano è abile e non si muove indietro.

Un rovescio che molto probabilmente finirà baciando una linea. Quasi come fosse telecomandato. Facendo alzare gli “Ooooh” dal pubblico sugli spalti. Provocando stupore, mani sulle bocche aperte dopo il colpo. Un “incredibile” o un “che cosa stupenda” che si perde dietro uno schermo al plasma di un televisore quando si vede un colpo che termina la propria esecuzione con un’estetica mai vista prima di allora.

Durante gli anni, molti, forse troppi, hanno provato ad avere questo rovescio ad una mano, che però è finito in mani vuote. Incomplete. Gente che lo colpiva come poteva. Alcuni meglio. Altri peggio. Però nessun come si dovrebbe. Ci sono stati alcuni a cui sembrava di farlo perfettamente e ad alcuni sembrava di averlo trovato, ma così non era. Mancava sempre quella scintilla che incendiava qualche relazione.

Ma un giorno, questo rovescio ad una mano incontrò uno svizzero nato a Basilea, giusto nel momento in cui stava per andare perduto. Era in quel punto in cui molti pensavano che sarebbe morto presto. Dicevano che era antiquato. Che già nessuno lo voleva. Che quello a due mani era più efficace e moderno. Il rovescio ad una mano pensava di essere già sulla strada dell’abbandono, finché non trovò quello svizzero.

Roger gli disse “Piacere mio”, e poco a poco iniziarono a conoscersi. Il rovescio a una mano gli disse tutto quello che si ricordava. Le notti intere passate a immaginare come sarebbe stato quando qualcuno lo avrebbe eseguito talmente bene da passare alla storia. I giorni pessimi passati ad essere giocato da tutti, perso e senza alcun sentimento. Passando per posti freddi, giocato da pessimi tennisti in orribili piste da club. Forse è stato il destino a volere che lui passasse per molte mani prima di trovare LUI, quello che lo avrebbe giocato davvero bene.

thequint-2015-12-8cbb1681-926d-4ef8-8e01-1ca19bfb0338-Federer 111

Sia quel che sia, quello che ha inventato il tennis, se ha pensato anche al rovescio ad una mano, sicuramente sperava che qualcuno un giorno lo avrebbe fatto come Federer. Lo fa sembrare tanto facile. Però, se fosse così, lo farebbero tutti. Se fosse facile, molti lo farebbero come lui. E se non sembrasse impossibile, tutto il mondo lo avrebbe già fatto.

Perché separati non sono nulla. Uniti, come un corpo e un’anima, come il mare e la schiuma, come l’acqua e il ghiaccio, come la notte e la luna. Eterni.

Perché quando Federer tira quel rovescio ad una mano il tempo si ferma, si curano le ferite, si hanno le risposte alle domande, non ci si spiega niente ma si capisce tutto.

Perché per spiegare quel rovescio a una mano bastano solo due parole: Grazie Roger.

C’era una vola il rovescio a una mano. Il suo. Del Maestro Roger Federer.

Fonte: www.puntodobreak.com

19 commenti

19 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Roberto Vacca - 1 anno fa

    Per il mio allievo e amico Matteo!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabiana Cortesi - 1 anno fa

    Che bella descrizione!❤️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Emilia Nasta - 1 anno fa

    Grande

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesco Capannini - 1 anno fa

    Io
    Lo faccio ancora, nn a livello di lui ma mi do da fare……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Maurizio Mosconi - 1 anno fa

    Ne ha pensati minimo una ventina meglio di quello dello svizzero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Fabio Prestia - 1 anno fa

    Aldo Masi Extrendy Parrucchieri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Massimo Poggio - 1 anno fa

    Ma chi ha scritto questo articolo….l’amante segreto di Roger???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Valerio Peruccaccia - 1 anno fa

      Ma vai a letto va

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simonetta Di Bartolo - 1 anno fa

      Come lo fa il rovescio Edberg ⁉️, ad una mano ❓❓❓❓

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Massimo Poggio - 1 anno fa

      No con un piede Simonetta Di Bartolo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Enrico Sanchez - 1 anno fa

      Rafa da maiorca aiutato da Fuentes di Madrid.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Massimo Poggio - 1 anno fa

      Solite calunnie vecchie e stantie per giustificare 23-11….siete dischi rotti…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alessandro Negan Venturi - 1 anno fa

    Daniele Buratti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele Buratti - 1 anno fa

      Ahahahah…o come Venturi…scherzo

      Alle.col rovescio dobbiamo lavorarci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Alessandro Negan Venturi - 1 anno fa

      Daniele Buratti anche col dritto e col servizio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele Buratti - 1 anno fa

      Scrivi qualcosa sul post di terenzio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Daniele Buratti - 1 anno fa

      Dio vaca

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Enrico Carrossino - 1 anno fa

    In realtà il rovescio è il colpo peggiore di Federer… Quelli di gasquet e wawrinka sono nettamente superiori, e non sono gli unici meglio di lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Manuela Deleo - 1 anno fa

      è vero, forse si parlava di eleganza in questo caso, ma ho pensato anche io ai due tennisti che hai citato…
      però pensa un po’, quello è il suo colpo “peggiore”…:)!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy