Elogio ad Andreas Seppi, il Signore del tennis italiano.

Elogio ad Andreas Seppi, il Signore del tennis italiano.

Nella società dei bulli in cui vanno di moda tatuaggi, parolacce e atteggiamenti irriverenti, in cui essere ‘solo’ un bravo ragazzo può diventare quasi motivo di scherno, Il tennista altoatesino è l’esempio vivente di come si possa ottenere successo, nella vita e nello sport, con una faccia pulita, tanta educazione e senza andare, mai, sopra le righe.

34 commenti

Non voglio, in questo articolo, esaltare l’incredibile vittoria ottenuta ieri da Seppi contro Nick Kyrgios, incredibile perché, forse, inaspettata ed incredibile per il modo in cui è maturata. Su questo, sono già stati spesi fiumi di parole e pochi secondi nei TG rubati all’ultima storia di Belen o c***ata di Fedez. Vorrei, invece, ricordare un’altra impresa del nostro connazionale questa volta, purtroppo, riuscita solo a metà.

HALLE. Bisogna tornare indietro al 21 giugno 2015 quando ad Halle, in Germania, si gioca la finale dell’ATP 500 Gerry Webber Open. Uno dei più unici che rari pochi tornei che giocano sull’erba durante la brevissima stagione, appena tre settimane, che culmina poi con il torneo di Wimbledon.  Delle 22 edizioni disputate fino al 2015 ben sette sono state vinte dallo svizzero Roger Federer che vieni qui ad “allenarsi” in vista del più importante Wimbledon. Quell’anno, però, il pluricampione slam dovette lottare molto più del previsto contro lo scoglio Seppi che ha rischiato di portare a casa uno storico trofeo contro il maestro dell’erba. Arrivato in finale dopo avere sconfitto Tommy Haas (due volte campione da queste parti), Tommy Robredo e grazie ad i ritiri di Monils ai quarti (sul 6-1 1-0) e Nishikory in semi (4-1) il tennista di Bolzano arrivo carico in finale e gioco a testa alta contro Re Roger. Ecco il video degli highlights che è, sicuramente più piacevole più esplicativo delle mie parole.

LA COSTANZA DI UN LOTTATORE. Solo due parole sulla vittoria di ieri contro Kyrgios, non potevo resistere! Non sulle caratteristiche tecniche di Andreas su cui altri più competenti di me potranno disquisire. Anche se sarebbe da segnalare che Andreas è l’unico tennista italiano ad avere vinto su tre superfici differenti: l’erba di Eastbourne, la terra rossa di Belgrado, il cemento indoor di Mosca. Come pure sarebbe da ricordare il lavoro dietro le quinto di coach Sartori.

In questo breve articolo vorrei, piuttosto, elogiare l’immagine che Andreas, da di se. “Seppia”, come lo chiamano scherzosamente gli amici, in un paese di “pizza e mandolini” e di troppi talenti, purtroppo, sprecati è la dimostrazione lampante che si può avere successo mantenendo un profilo basso, mai sopra le righe, sia in campo che fuori; non una polemica, non una mancanza. Sempre educato, sempre sereno e sorridente con la testa al lavoro.

Tennis - Australian Open - Melbourne Park, Melbourne, Australia - 18/1/17 Italy's Andreas Seppi shakes hands with Australia's Nick Kyrgios after winning their Men's singles second round match. REUTERS/Issei Kato

Andreas dall’alto dei suoi 190 centimetri picchia forte fin da subito con il servizio che impatta piatto con la sua Pro Kennex (in quanti usano questa racchetta?). Quando invece carica di effetto la palla questa schizza via, imprendibile per il ribattitore di turno. Andreas  per la sua corporatura di sicuro non è molto, veloce nonostante il mirabolante lavoro fatto da Dalibor Sirola (ex preparatore atlelico di Ivan Ljubicic), eppure scatta e reagisce su palle che sfiorano i 209 km/h. Risponde, quando è il suo turno, ordinatamente. Mette palla in campo, incrocia. Accetta di fare braccio di ferro, non importa chi ci sia dall’altra parte della rete che sia Kyrgios o Federer.

Contro questi campioni Andreas sembra un eroe stoico, quasi romantico. Sa di non giocarsela ad armi pari. Trentatrè anni il prossimo ventuno febbraio, Seppi, non ha l’estro e la fantasia di questi geni del tennis. Cosa che invece possiede il suo collega di Davis, il buon Fabio Fognini che non si tira indietro quando si tratta di coinvolgere il pubblico con palle pazzesche.

Da fondo tira pallate con il diritto e con il rovescio bimane. Non ha paura Andreas, numero 89 del mondo, dei suoi avversari. Cerca la rete per chiudere il punto e non disdegna qualche buon drop-shot tirato al momento giusto e ben calibrato. Un vero lottatore che non ha bisogno di prenderle per attivarsi ma che lotta dal primo all’ultimo punto con la stessa costanza, applicazione e dedizione.

3e06dfb4ba44b6efa4895a8546ce206f-005_mediagallery-article

CHE IMPRESA. Quest’anno è toccato a Kyrgios, numero tredici del mondo, curiosamente, nello stesso stadio dove due anni fa toccò a Federer saggiare la tenacia dell’altoatesino. Ci sono voluti 5 set per fare fuori l’australiano, nato a Canberra da padre greco e madre originaria della Malesia. Persi i primi due (il secondo al tie-break), Seppia,  ha vinto facilmente il terzo (6-4) ed il quarto (in appena ventisei minuti, con il punteggio di 6-2) per poi, accompagnarci verso un ultimo set al cardiopalma. Dove chiudeva la partita su punteggio di 1-6 6-7 6-4 6-2 10-8. Mica roba da niente! Scaramanticamente il prossimo turno vi invitiamo a guardarlo, se potete. Contro il belga Darcis, potrebbe farcela. Migliorando così il suo record nei tornei del grande slam.

Ostrava, Friday 10th February 2012 MATCH 1 Andreas SEPPI (ITA) vs Radek STEPANEK (CZE) Stepanek wins in 5 sets 4-6 6-4 6-3 3-6 6-3 in 3 hours and 50 minutes Photo Ray Giubilo

Andreas ha raggiunto il suo best ranking nel 2013 quando è arrivato fino alla diciottesima posizione. In Davis ha sempre dato una mano all’Italia anche quando il suo compito sembrava quello più facile.  Andreas è un vero sportivo ed un vero professionista che lotta e lavora sodo e che non cerca mai la contestazione. Il giudizio dell’arbitro è insindacabile recita una regole del tennis che Andreas sembra conosce molto bene e, anche, rispettare. Perché il tennis è uno sport nobile. Non perché riservato ai ricchi (nonostante il costo dei materiali) ma, perché romantico, in cui non si entra mai in contatto con l’avversario che nel dubbio di una palla contestata viene sempre favorito. Seppi è l’ultimo signore del tennis italiano. Io, lo attendo sulla panchina dell’Italdavis a prendere il posto che fu di un altro grande uomo di sport, Corrado Barazzutti.

 

34 commenti

34 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sandra Sagramoni - 5 mesi fa

    Seppi mi piace molto… detto questo il vostro accostamento tra bulli e tatuaggi mi fa orrore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabrizio Messina - 5 mesi fa

      forse abbiamo usato male la punteggiatura. Il senso corretto sarebbe: “in questa società….dove conviviamo con il bullismo….dove i tatuaggi sempre più inutili e privi di significato scadono nella volgare ostentazione….i cui se non dici abbastanza parolacce sei preso in giro…. Sono tutte staccate non collegate! bulli, tatuaggi, parolacce tutte cose diverse che purtroppo riempiono tv e realtà!
      Parliamoci chiaro i modelli dei ragazzi sono diventati Fabrizio Corona e co.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bravo Andreas

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Riccardo Garbarino - 5 mesi fa

    No, no, talento ne ha, magari non in eccedenza, eppoi si è tolto più di una soddisfazione, e ha una resistenza da vero tetesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Simone Pisanu - 5 mesi fa

    Peraltro è tatuato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Anna Maria Accorsi - 5 mesi fa

    Davvero un grande!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Sandro Bergianti - 5 mesi fa

    Grande atleta , grande persona , un esempio da seguire per i giovani del tennis. Bravo Andreas, super complimenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paola Davanzo - 5 mesi fa

    Grande Andreas.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Davide Berretti - 5 mesi fa

    Bravo Andreas, un esempio per tutti, grandi e piccoli, tennisti e non.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Giacopinelli Diego - 5 mesi fa

    Anti personaggio per eccellenza, nessuno degli addetti ai lavori, gli ha mai riconosciuto veramente il suo percorso, ragazzi questo sono 10 anni che galleggia tra 30 e 70 del mondo, ha una forza mentale imbarazzante, che negli anni ha compensato il fatto che non sia un fenomeno tecnicamente (cioè lo è perché i primi 100 sono fenomeni, ha compensato un pizzico di talento), ma dato che il 70% del tennis è puramente mentale…..#chapeau

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Azzone Lorenzo - 5 mesi fa

    Grande seppi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Manuel Masciovecchio - 5 mesi fa

    Per questo mi piace!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Danilo Pomponio - 5 mesi fa

    Bravo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Federica Sueri - 5 mesi fa

    Lo adoro. Avesse la metà del talento di Fognini sarebbe un top.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Stefania Divano - 5 mesi fa

    Beata sua moglie. Buon tennis a tutti di cuore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Aless Io - 5 mesi fa

    Voglio un trapianto della testa di Seppi nel corpo di Fognini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Romeo Pavidini - 5 mesi fa

      Magari…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Alessandro Bianchini - 5 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Francesca Sarzetto - 5 mesi fa

    Ma cosa avete contro tatuaggi e tatuati? Mica è sinonimo di bullismo o maleducazione!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eugenio Coati - 5 mesi fa

      Esatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Nicola Taponeco - 5 mesi fa

      Concordo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Nick Dal Santo - 5 mesi fa

      Meglio senza…che senso ha tatuarsi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Francesca Sarzetto - 5 mesi fa

      Può piacere o meno, ma è un modo di esprimersi senza dare fastidio a nessuno. Come i piercing, che personalmente non mi piacciono, ma non giudico male chi se li fa, affari suoi, non fa male a nessuno (a parte sè stesso)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Fabrizio Messina - 5 mesi fa

      contro i tatuaggi nulla. Ricordiamoci che sono nati tra marinai e carcerati. La critica è rivolta verso quelli che ne fanno utizzo smodato ed ostentato. rasente la volgarità

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Fabrizio Messina - 5 mesi fa

      Assolutamente nulla! sono tutte cose differenti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Paolo Poeta - 5 mesi fa

    Bel commento, speriamo che le mode ritornino su questi intramontabili modelli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Fin troppo educato …infatti e’ altoatesino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Antonio Quarta - 5 mesi fa

      Come wuei 2 coglioni che vanno in giro a strappare bandiere e finiscono in carcere in Thailand…complimenti per il commento si vede che sei intelligente come loro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Antonio Quarta - 5 mesi fa

    Boh…preferirei che sparasse qualche parolaccia ma che entrasse nei top 10

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabrizio Messina - 5 mesi fa

      anche noi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Massimo Boni - 5 mesi fa

    Ogni tanto le buone maniere pagano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Francesca Angerame - 5 mesi fa

    GIUSTO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rosalia Vecchio - 5 mesi fa

      Condivido

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Simone Rocchini - 5 mesi fa

    Grande Andreas

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy