Federer e quelle lacrime per Mirka: quando Roger smette di essere un supereroe

Federer e quelle lacrime per Mirka: quando Roger smette di essere un supereroe

Dopo aver alzato al cielo il suo ottavo Wimbledon, nonchè 19esimo Slam, Roger Federer si è lasciato andare ad un pianto di commozione alla vista della moglie Mirka e dei loro quattro figli. Perchè dietro un fuoriclasse c’è prima di tutto un uomo con le sue emozioni.

L’ultima volta che aveva trionfato in quel di Wimbledon era il 2012: Roger Federer aveva trattenuto a stento le lacrime per non impressionare le sue primogenite, Myla e Charlene. Questa volta però, (con la prole aumentata grazie all’arrivo anche di Leo e Lenny) Re Roger non ce l’ha fatta ed è scoppiato in un pianto di gioia alla vista della sua famiglia esultante ad applaudirlo in tribuna.

LA NOSTRA VITTORIA – “E’ la nostra vittoria” ha detto in seguito il fuoriclasse elvetico che non mai ha nascosto l’importanza della moglie Mirka nei successi che da anni costellano la sua carriera. I due si conobbero nel 2000 alle Olimpiadi di Sydney, dove parteciparono entrambi come rappresentanti del tennis elvetico con ambizioni ben differenti. Roger era una giovane ma già importante promessa mentre Mirka promessa lo era non tanto del tennis, quanto come sposa di un ricco fidanzato arabo. Ma lo scenario per la giovane tennista slovacca naturalizzata svizzera, cambierà in fretta: nel 2002 molla il tennis per un infortunio al piede e si dedica anima e corpo al suo amato Roger che sposerà nel 2009 e renderà padre di quattro gemelli. Mirka ha avuto il grande merito di smussare il comportamento focoso ed irrequieto del giovane Federer e di massimizzare quel talento che tutto il mondo ha poi imparato a conoscere.

famiglia federer

MOGLIE E MANAGER – Lady Federer non è solo moglie e madre ma anche manager, dicono sia lei a gestire le finanze del marito, ad aiutarlo a programmare la stagione, addirittura a studiarne gli avversari per affrontarli al meglio. Non le piace nemmeno essere troppo discreta sugli spalti, dove tende a farsi sentire e non poco, ma il suo essere moglie di un campione lo ha sempre vissuto lontano da riflettori e copertine patinate. Inoltre a sentire Roger, è sempre grazie a lei che possiamo ancora ammirare le sue gesta su di un campo da tennis perché “quando Mirka si stancherà di viaggiare, io smetterò”.

ROGER CAMPIONE DI UMANITA’ – Le lacrime di Londra sottolineano ancora una volta l’immagine della normalità che Federer riesce a trasmettere, nonostante la popolarità e la ricchezza che in questi anni lo hanno circondato fino a renderlo uno dei personaggi più influenti del mondo. Roger ha segnato un’epoca del tennis mondiale, ha fondato marchi e lanciato mode, ha incarnato uno stile di gioco che probabilmente cesserà con il suo addio alle competizioni ma il suo essere un super eroe è da sempre confinato all’interno del rettangolo di gioco, dove, anche se non lo dice, ha la coscienza di essere ancora il più forte. Quando la pallina compie il suo ultimo rimbalzo e tutto finisce, però Roger si spoglia dei suoi poteri e torna ad essere “Clark Kent”, colui che si commuove quando il suo sguardo si posa su ciò che più gli è caro.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Patrizia Andreetto - 2 mesi fa

    La moglie non ha fatto una piega……emozione zero…..mah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rosanna Simeone - 2 mesi fa

    Un bel conto in banca meritato… che poi con questo post che parla delle emozioni di un uomo quando smette di essere un campione e rimane un padre e un marito come tutti gli altri, non c’entra nulla. Campioni o no tutti abbiamo le nostre emozioni, indipendentemente dal denaro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sergio Aguiari - 2 mesi fa

    …..e non dimentichiamo che dietro c’è anche un bel conto in banca….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Raffa Agustoni - 2 mesi fa

      Sarà, ma non mi sembra che si legga di grande pazzie…anzi, tanta tanta beneficienza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Massimo Valaderio - 2 mesi fa

    Sono 19 gli slams vinti da Federer, non 20

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tennis Circus - 2 mesi fa

      svista, abbiamo corretto 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Emiliano Bigey - 2 mesi fa

    20 slam?? ancora celebrazioni su federer??? allucinante

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cristina Cebrelli - 2 mesi fa

    Vorrei essere al posto di Mirka…. sana invidia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Francesca Angerame - 2 mesi fa

    …non tirate i piedi! Il 20esimo arriverà!….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Angela Frontera - 2 mesi fa

    19 slam…..non 20…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy