Federer fa 100. Arriverà la lode?

Federer fa 100. Arriverà la lode?

Con il successo di Halle lo svizzero arriva in tripla cifra per tornei vinti in carriera, tra singolare e doppio. Ora Wimbledon per aggiornare il libro dei record

29 gennaio 2001: Roger Federer batte il francese Julien Boutter in 3 set sul sintetico indoor di Milano e conquista il suo primo titolo nel circuito Atp.
25 giugno 2017: lo svizzero supera Alexander Zverev nella finale di Halle, dominando la partita. Per il Maestro di Basilea tratta della 100esimo torneo vinto tra singolare (92) e doppio (8).

LA STORIA – Quando 16 anni fa iscriveva il suo nome nell’albo d’oro del torneo milanese, Federer portava i capelli lunghi e vantava già un titolo juniores a Wimbledon, ma in pochissimi avrebbero scommesso che quel giorno sarebbe iniziata una leggenda, forse la più straordinaria della storia di questo sport. Da allora lo svizzero ha messo in bacheca 18 titoli dello Slam, 26 Master 1000 e  6 Atp Finals. Nel doppio, mai giocato con continuità, la vittoria più luminosa è l’oro olimpico di Pechino 2008, in coppia con Stan Wawrinka. Delle magnifiche 100 fanno parte anche tornei di livello minore, ma che occupano un posto speciale nel cuore dello svizzero: i 9 titoli sull’erba di Halle (il torneo che ha vinto di più) e i 7 di Basilea, casa sua.

CLASSIFICA GENERALE – Roger è il settimo tennista della storia a raggiungere questo traguardo. In testa alla graduatoria all time c’è John McEnroe con 150 titoli totali, divisi quasi equamente tra singolare (77) e doppio(72), più una vittoria nel misto. Seguono Jimmy Connors (124), i gemelli Bob e Mike Bryan (rispettivamente 119 e 118 vittorie per i più grandi doppisti del tennis), Ilie Nastase (103) e Ivan Lendl, appaiato a Federer a quota 100.

IL BELLO VIENE ORA – Il 2017 di Federer è stato praticamente impeccabile. 4 tornei vinti, 24 W e due sole sconfitte, che sono sembrate solo incidenti di percorso nella programmazione mirata dello svizzero. Il 18esimo titolo dello Slam in Australia e i Master di Indian Wells e Miami sono uno score che nè lui nè il più ottimista dei suoi fan si sarebbero immaginati a inizio stagione. Ma c’è un torneo che quest’anno, come da inizio carriera, è segnato col circoletto rosso sull’agenda di Roger: Wimbledon. I Championships iniziano lunedì 3 e lo svizzero ci arriva sull’onda dell’entusiasmo e motivato a mille. Gli scommettitori lo danno come favorito numero 1 a Londra, il giardino di casa sua, dove avrà l’occasione, ancora una volta, di riscrivere la leggenda. Perchè arrivare a 100 titoli in carriera è per pochissimi, vincere Wimbledon per 8 volte, forse, è per uno solo.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Anna Altieri - 1 mese fa

    Di più!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy