Federer: “Giocare sul rosso? Non ho deciso. Bello sfidare Nadal su quella superficie, ma non so quante possibilità avrei”

Federer: “Giocare sul rosso? Non ho deciso. Bello sfidare Nadal su quella superficie, ma non so quante possibilità avrei”

Nella conferenza stampa dopo la vittoria su Krajinovic, lo svizzero ha parlato del suo momento di forma, dei suoi avversari storici e della stagione sulla terra battuta.

di Marco Castro, @marcocastro2906

È un Roger Federer rilassato quello che si presenta in conferenza stampa dopo la vittoria agevole su Filip Krajinovic al terzo turno di Indian Wells. Dopo tutto lo svizzero ha battuto il giovane rivale in soli 58 minuti, centrando la 14esima vittoria su 14 incontri nel 2018.

«Oggi mi sono sentito molto più tranquillo rispetto all’incontro precedente (vinto per 6-3 7-6 su Delbonis, ndr), mi sono divertito col mio gioco, variando e mostrandomi aggressivo per la maggior parte del match».

Federer potrebbe diventare il più vecchio vincitore di Indian Wells (battendo se stesso) e raggiungendo almeno le semifinali difenderebbe il numero 1 nel ranking dall’attacco di Nadal. Lo svizzero però, si schernisce. «Non ho giocato bene la prima prima partita qui e quando va così sarebbe un errore pensare già alla semifinale o alla finale. Nella mia parte di tabellone ci sono molti giocatori che possono battermi, serve rispetto per tutti».

Un torneo che ha visto l’uscita prematura di alcuni grandi nomi, in particolare quello di Novak Djokovic. «Non so che tipo di infortunio abbia Nole – ha detto Roger –  ma sicuramente questa versione del serbo nè quella di Melbourne sono quelle del giocatore fenomenale che conosciamo. Spero che lui, ma anche Andy, Kei e Stan possano tornare ai loro livelli abituali».

Infine è arrivata la domanda che un po’ tutti hanno in testa da qualche tempo: Roger Federer giocherà sulla terra rossa quest’anno? Lo svizzero, che non gioca un torneo sul rosso da Roma 2016, non si è sbilanciato troppo.

«Non ho pensato a cosa farò durante la stagione sulla terra. La mia decisione non dipenderà dalle scelte di Nadal e Djokovic ma solo dalla voglia e dalla mia condizione fisica. Non sono sicuro che i miei miglioramenti col rovescio possano permettermi di battere Rafa sulla terra, non lo affronto su quella superficie da molto tempo. Mi piacerebbe giocare contro di lui sul rosso e su 5 set ma non ci sono garanzie che potrei avere più possibilità di batterlo rispetto a qualche anno fa».

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Catherine Macleod - 6 mesi fa

    Sick fed up of seeing his smug face

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marisa Martini - 6 mesi fa

    Roger, e’ il momento: Parigi ti aspetta e non puoi non tentare di chiudere la tua meravigliosa carriera con il vero grande slam! Tifiamo per te.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rosella Rossa Rosa - 6 mesi fa

    Falla finita ipocrita !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alberto Ghia - 6 mesi fa

    Roger, Nadal non ci fa più paura neanche sul rosso…e non è neanche questione di 3 su 5 o 2 su 3…basta batterlo in 3 set…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Rosetta Legorano - 6 mesi fa

    Non pensò che ci sia solo Nadal ci sono anche gli altri……e più giovani….anche se mi fa sempre piacere vederti giocare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gianluca Sabatini - 6 mesi fa

    Sulla terra puo’ giocare solo al meglio dei 3 set,3 su 5 assolutamente no a quest’eta’..si deve preservare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Milena Ginocchio - 6 mesi fa

    Ti ADORO! GRANDE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Brunella Tamagna - 6 mesi fa

    Allora mettiti in gioco come fa nadal su tutte le superficie. Tirerai poi il risultato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mark Otto - 6 mesi fa

      Qualcuno ha detto erba ? Ti ricordo che Federer ha saltato i tornei su terra solo negli ultimi anni. Speriamo si metta un po’ più in gioco, così quelli come te riusciranno a capire se è un tennista che vale davvero oppure è stato solo un fuoco di paglia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco Pa - 6 mesi fa

      Solo nel 2017 ha saltato la terra. Ma alcuni “appassionati” vorrebbero tanto vederlo giocare su terra, magari con un bell’infortunio che lo levi dalle scatole. Visto che allo stato attuale vince tutto a mani basse

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Brunella Tamagna - 6 mesi fa

      Infatti ritorni a giocare sulla terra ( visto che lui e’dubbioso sul’esito) cosi’finirete di dire chi e’ il piu’forte.visto che nessuno dei due deve dimostrare nulla..e finitela dire e’piu’ bravo uno o l’altro. Sono due mostri sacri del tennis e aspettando anche gli assenti.che torneranno. Se poi quello di ieri sera e’stato un. Bel’incontro.?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Danila Lunghi - 6 mesi fa

      Brunella Tamagna ..lascia pedere! Non so come possano sempre fare confronti tra Roger e Nadal….sono due grandi e basta!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Brunella Tamagna - 6 mesi fa

      Infatti. Quando smetteranno forse capiranno chi erano e cosa hanno dato al tennis

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Mirko Aschiero - 6 mesi fa

      Brunella Tamagna condivido!! Non si può dire chi tra Roger, Rafa e Nole sia più forte… Ogniuno dei tre ha avuto i momenti in cui hanno reso più degli altri e vice versa! Tre fenomeni unici!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy