Francisco Roig: “Nadal? I campioni non si stancano mai di vincere”

Francisco Roig: “Nadal? I campioni non si stancano mai di vincere”

Francisco Roig, secondo allenatore di Rafael Nadal, ha parlato della svolta che si é verificata a Montecarlo e dell’obiettivo principale del suo assistito. “Il Roland Garros si fa sempre piú prossimo ed é meglio affrontarlo con un paio di totoli vinti per una questione di fiducia”.

Dopo il commento di Toni Nadal riguardo al titolo di suo nipote a Montecarlo, Francis Roig, secondo allenatore di Nadal, ha detto di non essere affatto stupito del risultato ottenuto da Rafa la settimana scorsa “Sta lavorando bene, fisicamente si sente in forma e infatti ci ha lavorato molto. A Indian Wells ha raggiunto le semifinali, e a Montecarlo la stagione sul rosso non avrebbe potuto cominciare meglio. Ora è tranquillo e ha delle buone sensazioni”. 

“A Montecarlo per Rafa c’è stata una svolta, e si è capito subito da come colpiva la palla. La stagione sulla terra rossa promette bene. E le critiche che gli hanno rivolto? Quando le cose non vanno bene , e nel caso di Rafa sei abituato a vincere, è normale ma noi abbiamo lavorato per uscire da quella situazione. I campioni non si stancano mai di vincere, Rafa ha vinto così tanti Slam e Master 1000 ed è difficile da perdere l’attitudine a vincere.”

Chiarisce poi, “lui non ha mai pensato che non sarebbe più stato vincente, era solo una questione di tempo,ha sempre creduto in se stesso e nel fatto di poter tornare a vincere. La cosa che più l’ha motivato sono gli Slam, i tornei cioè che fanno la storia, Rafael ne ha vinti 14 e quest’anno il suo obiettivo è il Roland Garros. Questo obiettivo si fa sempre più prossimo, ed è meglio affrontarlo con un paio di titoli vinti , per un fatto di fiducia. Tornare a vincere vuol dire essere rispettato dai colleghi, e vale la pena combattere per questo. Quando entravano in campo credendo di poter vincere era più complicato per Rafa”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy