I paradossi del ranking e la novità dello UTR

I paradossi del ranking e la novità dello UTR

Il ranking ATP vede al momento Rafael Nadal numero 1, nonostante il maiorchino non giochi un torneo dalla metà di Gennaio. Eppure esiste, ed è sempre più usato dagli juniores, un nuovo ed accurato metro di valutazione per i giocatori , ovvero lo UTR.

di Piera Camerlingo

Quando nel 2008 Dave Howell,un tennista professionista ,  provò a soddisfare la sua curiosità analizzando il livello di competitività di alcuni tornei junior nello stato della Virginia, dove lui viveva e lavorava, scoprì con sua grande sorpresa che appena un quarto dei match giocati esprimevano un alto livello di competitività. Andando avanti, la percentuale saliva al 40% analizzando i tornei su scala nazionale, ovvero  i tornei USTA. In quel momento Howell ideò e creò lo UTR, Universal Tennis Ratings. Non più , dunque, il semplice accumulo di punti, come è per le classifiche Atp /Wta e per classifiche nazionali, venne usato per determinare il livello di un giocatore ma  un complicato algoritmo che sminuzzava i dati provenienti dagli ultimi trenta match giocati tenendo in considerazione fattori quali la qualità dell’avversario e i differenziali nel punteggio di ogni match. Ed ecco che un rating, ovvero una valutazione, inizia ad affiancare il ranking , frutto della ricerca , spesso mirata, di tornei dove accumulare punti in modo più “facile”.

nadal 1

Oggi, nel 2018, l’accesso allo  UTR è ormai inarrestabile, soprattutto tra gli juniores, ed è ormai lo strumento più importante usato per lo scouting effettuato dai coach dei college americani. Facile intuire, quindi, quanto sia importante avere un buon rating per i tanti ragazzi che , non avendo grandi possibilità economiche, non possono viaggiare e, quindi, partecipare ad eventi dove racimolare punti per migliorare la propria classifica. Il sistema, molto semplice nel suo funzionamento, prevede un range numerico che va da 1 a 16.5  ( per la curiosità dei più diciamo subito che Federer ha una valutazione attuale di 16.21!), ed è accessibile a tutti senza distinzioni di età, genere o nazionalità. Mark Leschly, imprenditore statunitense ed ex tennista di Prima Divisione, è il proprietario dello UTR e crede fermamente nelle grandi potenzialità di questo strumento di valutazione. “Le distanze geografiche rendono tutto più complicato nel tennis. Come scegliere tra un ragazzo croato con classifica alta o uno che abbia già esperienza di tornei Itf o piuttosto uno con buone qualità che venga dal Nord della California, per esempio? Bene, ora si può guardando al loro rating UTR. E’ lì, e i ragazzi lo sanno”. Nuovo metro e tante possibilità in più, a prescindere dal luogo di residenza , dall’età , dal genere o dal ceto sociale. Leschly, nella sua visione di lungo periodo, vede lo UTR come un collante che unisca i tennisti di tutto il mondo in una piattaforma digitale in grado di dare un ritratto accurato del reale livello di gioco raggiunto. Quindi, guardando allo UTR rating la Top Five Atp ne esce stravolta. Invece di Nadal al primo posto , seguito da Federer, Cilic, Zverev e Dimitrov abbiamo Roger numero 1, seguito da Rafa, Del Potro, Kyrgios ed infine Goffin. Forse Lo UTR non prenderà mai il posto del sistema di ranking Atp o Wta, ma certamente in esso vi è un solido, inconfutabile , fondo di verità.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giovanni Gorini - 3 mesi fa

    La classifica rispecchia perfettamente la realtà, se Nadal vuole stare primo non deve fallire niente o quasi sulla terra rossa, se ci riuscirà sarà n. 1 con pieno merito se no sarà Federer il n. 1 almeno fino ad Halle

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tennis Circus - 3 mesi fa

    Unisciti al nostro canale Telegram per non perderti tutte le news del tennis! : https://telegram.me/tenniscircus

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Roberta Gatti - 3 mesi fa

    E Federer tornerà n1 senza giocare un torneo perché Nadal deve difendere troppi punti nei prossimi tornei.
    Non è assurdo, se non ci fosse questo meccanismo si chiamerebbe campionato come nel calcio oppure oppure viceversa se i punti non scadessero mai Rafa e Roger sarebbero primi in eterno perché nessuno li eguaglierà mai!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Senka Fortunato - 3 mesi fa

    Federer number ONE ! Kiss

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Bianchini - 3 mesi fa

    Anche in passato..anni 70/80/90 venivano fatte classifiche assurde….che non rispecchiavano la realta’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giovanni Gorini - 3 mesi fa

    È molto più semplice di quanto sembri: i punti che si accumulano torneo per torneo durano un anno solare circa fino a che si ripresenta lo stesso torneo in cui quei punti presi l’anno precedente scadono. Es. 2017 Federer vince Miami e conquista 1000 punti ATP, 2018 Roger esce al primo turno conquistando solo 10 punti ma perdendone 1000 che conquistò l’anno prima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Franco Maurilli - 3 mesi fa

      Quindi uno campa di rendita per 1 anno anche se non gioca mai….. ma che cazzata….. quindi queste classifiche sono tutte una bufala…. comunque per me Federer rimarra’ sempre il n’ 1 senza se e senza ma…….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Franco Maurilli - 3 mesi fa

    Infatti non ho capito ancora come funziona…. Federer ha giocato 3 tornei e 2 li ha vinti ed e’ tornato n’ 1…. poi e’ arrivato 2′ all’ultimo torneo ed e’ passato al 2′ posto….. e Nadal non ha mai giocato….. ma mi sapete dire come funziona?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy