Le difficoltà di essere campioni olimpici

Le difficoltà di essere campioni olimpici

Monica Puig ha detto di aver vissuto troppo in fretta dopo Rio, senza riuscire ad assimilare il trionfo. E le aspettative verso di lei sono cambiate radicalmente.

Non è facile gestire emotivamente una vittoria non solo tua ma di tutto un Paese. Così è stato per Monica Puig dopo l’inaspettato oro olimpico di Rio. La portoricana ha vissuto (sta vivendo) in un contesto mediatico dove tutti si aspettano altri successi da lei e già nel breve periodo.

PRESSIONE – «Ho ricevuto tantissima attenzione da parte dei media dopo Rio» ha detto Monica dopo aver perso da Roberta Vinci al primo turno del torneo di Wuhan, sconfitta che fa il paio con quella rimediata all’esordio a Flushing Meadows contro la cinese Zheng. «È difficile concentrarsi sugli altri tornei con tutta questa pressione»

NOVITÀ – La gloria olimpica ha deconcentrato la portoricana, non abituata a successi così grandi ma in realtà neanche a quelli “minori” visto che in carriera, finora, vanta un solo titolo Wta (Strasburgo 2014). «Non è semplice tornare ad allenarsi dopo una vittoria così. Avrei voluto prendermi una pausa per dare al mio corpo il tempo di recuperare».
Brutta bestia la fama..

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy