Mental coach e psicologo sportivo; come i Top Players allenano la mente

Mental coach e psicologo sportivo; come i Top Players allenano la mente

Le figure del mental coach e dello psicologo sportivo sono entrate da anni nel mondo del tennis. Due figure diverse, ma complementari , a supporto di molti tennisti. Dominika Cibulkova è tra questi.

Commenta per primo!
L’ AIUTO  CHE VIENE DALLA SCIENZA- Psicologo sportivo, mental coach  e tennisti. Un connubio destinato a funzionare, quasi sempre, almeno stando alle parole di alcuni Top Players. “Sono sempre stata una buona giocatrice, avevo un buon dritto e rovescio e abbiamo sempre lavorato sul servizio, ma diventavo molto negativa durante le partite e il lavoro mentale mi aiuta a farmi rimanere nel match quando non mi sento bene. Sono cambiate tante cose. Ha aiutato molto il mio gioco” . Queste le parole di Dominika Cibulkova che, in soli otto mesi è balzata dalla posizione numero 66 del ranking a quella di numero 8. Ancora più chiare le dichiarazioni di Carla Suarez-Navarro che , dopo Wimbledon 2015, aveva vissuto un momento molto difficile. “Ho iniziato a pensarci l´anno scorso. Non penso che avremmo potuto trovare una soluzione coi miei allenatori, perché mi allenavo e giocavo bene, quindi era qualcosa che stava nella testa.  Pensavo di assumere uno psicologo tanto tempo fa ma mi dicevo ´loro non capiscono alcune situazioni´. Ma non c´è nulla da perdere nell´assumerne uno.” Anche per lei il ricorso allo psicologo ha funzionato. Tuttavia, non sempre l’intervento dello psicologo ha dato i frutti sperati. L’australiana Sam Stosur, che per anni ha fatto ricorso all’aiuto terapeutico dello psicologo, non sembra aver risolto i suoi problemi di fragilità mentale. Interventi sì, ma non taumaturgici.
anderson 3
UNA SINERGIA IMPORTANTE- E’ bene, però, chiarire subito che lo  psicologo sportivo e il mental coach sono due figure che operano in ambiti vicini ma totalmente diversi. La psicologia sportiva è  fondata su una preparazione specifica che si concentra e studia il comportamento degli individui, i loro processi mentali e la parte interiore di natura conscia ed inconscia. Quindi, nulla a che vedere con il mental coaching che invece non opera in ambiente clinico o psicologico, bensì  lavora con atleti  che desiderano massimizzare i loro risultati sportivi. Il mental coach fa leva sull’allenamento e lo sviluppo della forza caratteriale. Il primo analizza, diagnostica e cura; il secondo dà un sostegno speciale per migliorare il  comportamento in  gara, ponendo costantemente l’attenzione sul miglioramento delle performance e contribuire così a portare l’atleta ad esprimere il suo massimo potenziale. Due professionalità che possono tuttavia  integrarsi per dare eccellenti risultati. Ciononostante, nessuna terapia e nessun allenamento daranno frutti se non supportati da un qualche fattore esterno che possa fungere da “switch” , ovvero da accensione per far sì che il tennista possa pensare al proprio gioco in maniera  positiva. Sia che si tratti di terapia, che di allenamento mentale, l’elemento “fiducia” svolge un ruolo fondamentale, e lo svolge sin da giovanissimi. L’uso del mental-coach è ormai diffuso anche tra i giovanissimi agonisti e anche nel tennis juniores vi si fa ricorso per ottimizzare le prestazioni. Trattandosi di ragazzi la cautela è però d’obbligo. Saper dosare l’intervento del mental coach, legandolo alla progressiva crescita e maturazione personale,  può essere indispensabile  per scongiurare il rischio di trovarsi dinanzi al classico burn-out da agonismo esasperato. Un male assai diffuso tra i giovanissimi agonisti.  Tuttavia, l’aiuto dello psicologo sportivo, ove necessario, e il supporto del mental-coach sono ormai tra mezzi più diffusi per superare quelli che Kevin Anderson ha definito come i problemi che ” tutti i tennisti professionisti devono superare, ovvero i dubbi a livello mentale . Dubbi del tipo ‘riuscirò a battere questo giocatore?’, ”non mi sento bene al servizio oggi’ o ‘sembra che faccia fatica in queste condizioni. I professionisti hanno dedicato la loro vita a fronteggiare queste difficoltà”. Giuste le parole del sudafricano per ribadire che, dopo tutto,  l’essenza del tennis è, come sempre, nella mente.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy