Rafael Nadal e Juan Monaco: una vera amicizia

Rafael Nadal e Juan Monaco: una vera amicizia

Rafael Nadal è un ragazzo molto timido. Con pochissime persone può arrivare ad essere così rilassato come con Juam Monaco. Quando i due sono insieme, il volto dello spagnolo cambia completamente rispetto a come siamo abituati a vederlo, con la fronte solcata e l’espressione seria. Quando sta con Monaco, Nadal sorride con lo stesso entusiasmo di un bambino a cui hanno regalato un giocattolo. E l’amicizia tra i due è quasi come quella di due bambini: sono quasi inseparabili.
image

Perché Nadal e Monaco si sono conosciuti quando nessuno dei due aveva neanche un punto nel circuito. L’argentino si allenava in Spagna, e da quando si sono incontrati, non si sono separati. Condividevano allenamenti, gite, viaggi… e perfino partite alla PlayStation.

La loro amicizia si è fatta più forte quando sono cresciuti. Forse non hanno più organizzato partite alle console, ma hanno colto l’occasione per fare una passeggiata, o a cenare insieme durante un torneo. Si può dire che hanno cominciato ad avere un rapporto di amicizia più maturo. Si è anche avuto modo di vedere Nadal e Monaco condividere le vacanze, quando l’argentino ha passato un giorno a Manacor.

image

Monaco lo conosciamo come “Pico”, un soprannome che ha ereditato dal padre. L’argentino ha rivelato che Nadal è uno dei suoi migliori amici, e che si sentono spesso per sostenersi quando perdono. Ad un certo punto, quando lo spagnolo stava facendo fatica nel tornare nel circuito dopo un anno pieno di infortuni, i due hanno deciso di giocare insieme in doppio. Il primo torneo giocato in coppia è stato quello di Doha, nel Gennaio di quest’anno.
image
Chi conosce Rafa, sa quanto fa fatica ad aprirsi. In un momento ricco di tensione come quello che precede una finale di Coppa Davis, come è successo a Siviglia nel 2011, lo spagnolo si è incontrato sul campo con i suoi compagni con un’espressione seria e concentrato. Quando però è arrivato Juan, il suo viso è cambiato completamente. Mentre si abbracciavano, Rafa si è permesso addirittura di stuzzicare Monaco con un pizzicotto sul didietro, senza curarsi della stampa.

Quella finale dice molto riguardo al rapporto tra i due. La fortuna ha voluto che si incontrassero nel primo incontro. Monaco non era mai riuscito a sconfiggere Nadal, e davanti ad un pubblico spagnolo e sulla terra, la faccenda si complicava non poco. Rafa non ha avuto alcuna compassione, e rifilò al suo amico una delle sconfitte più dure in carriera, vincendo per 6-1 6-1 6-2. Juan ha rimediato solo quattro giochi, e alla fine è andato a piangere negli spogliatoi.

image

Perdere in quel modo, sapendo che tutto il suo paese lo stava guardando, provocò grande tristezza in Monaco, che non smetteva di piangere. Passarono diversi minuti, e ad un certo punto l’argentino senti qualcuno che gli accarezzava la testa. Juan alzò la testa, pensando che fosse un suo compagno o fisioterapista, ma con sorpresa scopri che era proprio Nadal. Lo spagnolo voleva confortare il suo amico, e dopo pochi minuti di conversazione era riuscito a rallegralo, scusandosi anche però il ‘pestaggio’ che gli aveva inflitto.

In un mondo individualista come quello del tennis, è davvero difficile trovare un’amicizia del genere.

Fonte: Punto De Break

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy