Roger Federer: “Al ritiro non ci penso neanche, i giochi Olimpici unici”

Roger Federer: “Al ritiro non ci penso neanche, i giochi Olimpici unici”

Roger Federer è impaziente di giocare agli Australia Open a caccia di uno Slam. Nel frattempo parla di Rio e dell’anno impegnativo che lo aspetta. “Ritirarmi? Ancora non ci penso! Giocherò per la Svizzera nelle tre specialità di singolo, doppio e doppio misto. Ancora in partita sento il nervosismo, e penso che non si placherà che quando mi ritirerò. Ma non ancora”

Roger Federer insiste nel dichiarare che non ha nessuna intenzione di ritirarsi nel 2016, come si era a lungo vociferato, dopo i Giochi Olimpici ai quali parteciperà per la Svizzera. Si dice anzi impaziente di giocare ai prossimi Australian Open. Anche se sempre terzo nel ranking il veterano svizzero non sente infatti sapore di Slam da Wimbledon 2012.

“Ho già programmato tutto il 2016 – dice Roger- e probabilmente renderò noto il mio programma nelle prossime settimane. Con la testa sono già nella nuova stagione. Ovviamente l’Australia è un grande obiettivo per me, ma mi aspetta anche un anno molto impegnativo. Mi sento bene e sono in forma. Come ho già detto, conto di essere nel tour ancora per un bel po’, non ho ancora pianificato di ritirarmi, non ho ancora fissato una data”

Federer cercherà di bissare in singolo ai giochi olimpici di Rio l’argento vinto quattro anni fa a Londra, nel frattempo ha confermato che parteciperà anche nel doppio misto con la connazionale ex n°1 del mondo Martina Hingis e che potrebbe anche partecipare in doppio con Stan Wawrinka, replicando così il successo che ha fatto guadagnare agli svizzeri nel 2008 l’oro a Pechino.

“ Vincere l’argento nel singolare a Londra è stato fantastico, e comunque non è detto che, come tutti credono, riuscirò a vincere un oro a Rio. Per dare più possibilità alla Svizzera quindi giocherò in tutte e tre le specialità, in singolo, nel doppio e nel doppio misto”.

federer_2_custom-df888551e81d7c9721b2aaceee6d0eeda336beba-s900-c85

“I giochi olimpici per me sono unici. Amo il fatto di rappresentare la mia nazione e lavoro affinché i miei connazionali siano fieri di me. Questo sentimento nazionale è sempre ben presente in me, ma credo che nei Giochi Olimpici la gente lo senta maggiormente”

Federer che recentemente ha annunciato la sua separazione da Stefan Edberg, dopo 2 anni di proficua collaborazione, confessa che spesso in campo soffre ancora di nervosismo, anche in match che adesso con l’età sente più facili.

“In match normali, tipo un quarto di finale o in match di primo turno non sono più molto agitato, una volta invece sentivo molto la tensione, però ancora soffro di nervosismo, e purtroppo credo che non riuscirò mai a dominarlo fino a quando mi ritirerò e solo allora avrò pace” Ma non ancora.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy