Rublev risponde a Verdasco

Rublev risponde a Verdasco

Il giovane Andrey Rublev, ieri accusato di essere “maleducato” dal suo avversario Fernando Verdasco, risponde a dovere allo spagnolo e si gode il passaggio del turno.
Un sorriso da orecchio a orecchio sul volto pulito di un adolescente. Questo “adolescente” si chiama Andrey Rublev, è russo, è del 1997, ed ha battuto Fernando Verdasco direttamente a domicilio nel Barcelona Open Banc Sabadel. Due set a zero e prima vittoria in un ATP 500. “Sono molto felice di aver battuto uno dei migliori giocatori del circuito, è incredibile, non so davvero cosa dire” – ha detto il giovane tennista nato a Mosca.

rublev 2

Rublev nel finale di partita ha mostrato evidenti segni di crampi e a malapena riusciva a muoversi – dice – “Avevo i crampi sia alla mano che alla gamba. Capisco che Verdasco fosse nervoso perchè ero sofferente ma spingevo la palla molto forte, ma lo facevo perchè a un certo punto ho pensato ‘proviamo a buttare la palla di la, speriamo vada bene, se va male pazienza‘.

verdasco

Quando gli viene chiesto delle dichiarazioni di Verdasco, che lo ha apostrofato come “maleducato” e “irrispettoso” Rublev ha detto di non sapere perchè l’abbia fatto: “Non ne ho idea, penso semplicemente che Verdasco non abbia giocato la sua partit migliore. Lui non era al suo meglio mentre io ho giocato davvero bene oggi, ma davvero non so cosa sia successo. Che cosa vuol dire che non ho rispetto? Io penso che Fernando sia uno dei migliori nel circuito, non ho detto nulla di male su di lui e non so perchè dica queste cose: io ho fatto dei punti molto belli e mi sono limitato ad esprimere la mia emozione. Anche Cristiano Ronaldo lo fa eppure nessuno lo chiama ‘irrispettoso‘”. Lascia la conferenza dicendo: “Per un giocatore come lui è difficile giocare contro uno giovane perchè non ho niente da perdere, mentre lui sì“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy