Salvador Navarro: “Mai cercato di far cambiare idea a Flavia”

Salvador Navarro: “Mai cercato di far cambiare idea a Flavia”

L’ ormai ex allenatore di Flavia Pennetta, archivia i tre anni al fianco della brindisina, come la miglior esperienza lavorativa della carriera.

Commenta per primo!

“Dietro un grande campione c’ è sempre un grande allenatore”, è una regola non scritta, che quasi sempre corrisponde alla realtà, ed è sicuramente il caso di Flavia Pennetta e Salvador Navarro, uno dei tanti maestri spagnoli, che hanno varcato i confini, per andare nel mondo ad insegnare l’ arte del tennis.

Un rapporto nato fra mille incertezze nel 2013, quando l’ iberico, dopo le collaborazioni con molti tennisti, Robredo e Ferrer i più celebri, accettò per la prima volta di affiancare professionalmente una donna, esperienza che poi col tempo si è rivelata più che positiva.

È lo stesso Navarro a definire la sua partnership con la Pennetta, la più positiva della sua carriera, grazie soprattutto all’ azzurra, che si è rivelata da subito una “allieva” perfetta: “Il nostro primo torneo è stato a Marrakech nel 2013, e da subito mi sono trovato a mio agio, Flavia è una grande stakanovista e ha sempre capito al volo quello che io le chiedevo di fare; la parte più complicata è stata quella del lavoro sull’ aspetto mentale, ma è una cosa normale, visto che le donne sono molto più emotive”

TEN-US OPEN-PENNETTA-KVITOVA

“Dopo tre mesi pensare al successo degli US Open, fa ancora un effetto strano, ma dà ancora più soddisfazione, perché è stato il coronamento, anche se insperato, di una crescita costante, dopo tre anni di lavoro. Ed era proprio questo l’ obiettivo che avevo dato a Flavia: crescere e migliorarsi, sempre, ed è proprio quello che è riuscita a fare, come dimostravano i risultati, la semifinale a Flushing Meadows del 2013, e il successo ad Indian Wells, prima dell’ apoteosi della finale contro Roberta Vinci, tutte tappe dell’ evoluzione della brindisina, che nel tempo è riuscita a crescere e perfezionare, prima il servizio e poi il rovescio “.

Sul ritiro della sua allieva, Salvador ha le idee molto chiare, quando dichiara, di essere stato messo al corrente della decisione, già due settimane prima dell’ inizio degli US Open: “Non ho mai pensato di cercare di farle cambiare idea, è stata una decisione presa col sorriso, la decisione di iniziare una nuova vita. Per me è stata una grande esperienza, ed ora rimarrà una grande amicizia; per quanto riguarda il mio futuro, per il momento faccio il disoccupato, non ho ancora ricevuto proposte, e nell’ attesa che ne arrivi una stimolante, passerò del tempo insieme a mia moglie e mia figlia, cosa molto difficile da fare durante un anno lavorativo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy