Challenger San Benedetto: i pronostici dei quarti di finale

Challenger San Benedetto: i pronostici dei quarti di finale

Sfide equilibrate ed affascinanti. Analizzeremo i match provando a dare una probabile e personale chiave di lettura.

Commenta per primo!

SAN BENEDETTO – QUARTI

A. DE GREEF (BEL) – S. NAPOLITANO (ITA)

Con la complicità della pioggia, i match di ieri sono stati posticipati ad oggi. Il menù è ricco e molto interessante, e sono tutti match apertissimi sulla carta. Cominciamo con De Greef – Napolitano alle ore 11:00 campo centrale. Iniziamo col dire che per me il belga è un giocatore straordinario e che ammiro profondamente, per la sua dedizione al lavoro, riesce spesso a concretizzare situazioni sfavorevoli, non butta via nulla e lotta fino all’ultima palla. De Greef è un giocatore solido da fondo con entrambi i fondamentali, ottima mobilità, accompagnata da un eccellente fase difensiva, unita ad un senso tattico impressionante. Giocatore intelligente e umile, incontra un Napolitano in gran spolvero. De Greef sa far bene sia la fase difensiva che quella offensiva, soffre i giocatori con palla pesante ma non è il caso dell’italiano. A mio avviso sarà un match equilibrato e il belga non soffrirà particolarmente le geometrie di rovescio di Stefano, quindi per me il belga ha maggiori chance di passare il turno, in quanto lo reputo più maturo, solido e costante, caratteristiche che potrebbero fare la differenza. DE GREEF

G. QUINZI (ITA) – C. LESTIENNE (FRA)

Se ci dobbiamo nascondere dietro un dito lo possiamo anche fare, ma questo Quinzi con il francese Lestienne parte favorito, soprattutto su una superificie lenta come la terra. Quinzi è da un po’ che sembra aver imbroccato la strada maestra, è stato umile, ha giocato anche le qualificazioni dei futures per prendere confidenza e ultimamente qualche risultato lo sta portando a casa. E’ migliorato molto al servizio, possiede un gran rovescio, molto naturale e fluente, mentre il dritto è più costruito ma con rotazioni molto marcate e fastidiose. Lestienne è un giocatore che gioca il suo miglior tennis nei palazzetti, su superfici veloci, ma quest’anno ha giocato molto bene ad Ostrava su terra, approfittando di un tabellone non così complesso e poi primi turni a raffica, questo perchè soffre con gente che su terra esprime il suo miglior tennis, Quinzi a mio avviso risponde all’identikit. Secondo me il francese farà fatica a trovare ritmo, lui che con il dritto fa gioco, con un’esecuzione rapida e precisa, ma se cominci a sporcare le traiettorie fa molta più fatica e Quinzi questo può farlo. In definitiva per me Quinzi ha buone chence di passare in semifinale. QUINZI

F. GAIO (ITA) – G.MAGER (ITA)

Di Mager sono stato un estimatore fin dal 2013, quando l’ho visto giocare per la prima volta contro Gabashvili a Genova. Mager è un giocatore che non ha molta autostima ma qui a San Benedetto ha raggiunto il suo miglior risultato in carriera. Il sanremese è un giocatore mentalmente non molto affidabile, tende a perdersi, poi si ritrova durante lo stesso match, ha passaggi a vuoto che molte volte ne inficiano il risultato, starei ore a parlare di Gianluca ma non servirebbe a molto anche perchè non lo seguo più come una volta. Quest’oggi oggettivamente ha chance contro Gaio, che quest’anno fa una fatica pazzesca a trovare uno stralcio di continuità. Come vi dicevo con i suoi colpi leggermente anticipati e potenti Gianluca può mettere alle corde Federico, già graziato da Giannessi (ritirato mentre lo stava dominando), ma sinceramente non mi preoccupa tanto l’aspetto tecnico, dove Mager può sfruttare un maggior punch, ma l’aspetto mentale, Gianluca potrebbe sentire la pressione ed entrare in campo contratto, è già successo altre volte e l’andamento dei suoi match è molto spesso “anarchico”, si fa fatica a trovare un filo conduttore. Per me è un match alla portata di Gianluca, ma non ho piena fiducia in lui da volermi espormi, certo è che trovare questo Gaio ai quarti è tanta roba. FOLD

L. DJERE (SRB) – K. KRAWIETZ (GER)

Commentare questo match è dura. Non doveva esserci Djere ma Eremin, purtroppo a volte le cose non vanno come ci si augura e bisogna far fronte a sconfitte cocenti. Come ben sapete qui il favorito è chiaramente Djere, ma è talmente favorito che a mio avviso non conviene prendere in considerazione questo match, in questo Krawietz pur inferiore come valore assoluto, rimane un giocatore che non si batte da solo e che può sfruttare la veste da sfavorito per giocare un match senza troppe pretese. FOLD

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy