Tiriac “Alcuni giorni al Mutua Madrid Open ci sono stati solo 3000 spettatori”

Tiriac “Alcuni giorni al Mutua Madrid Open ci sono stati solo 3000 spettatori”

Ion Tiriac in un’intervista a “La Marca” si dice soddisfatto dell’andamento del torneo di Madrid nonostante fare un combined sia sempre un rischio “Il Tour ha bisogno di personaggi come Serena Williams o la Navratilova, con un tennis di qualità ma anche molta personalità”

E’ora di fare il punto del Mutua Madrid Open. La situazione in generale, secondo Ion Tiriac, è già molto positiva anche se potrebbe essere meglio. Intervistato da “La Marca”, il direttore del torneo ed ex giocatore ha analizzato come sono andate le cose e i prossimi obiettivi per l’evento. Ha detto “e’ andato un po’ meglio della scorsa edizione,e un po’ peggio della prossima”

MOLTI PROGETTI PER IL MADRID OPEN MA POCHI SOLDI  Tiriac ha anche alcuni progetti in testa per cercare di incrementare il torneo. Parlando dei suoi piani dice “ Mi piacerebbe costruire un campo outdoor con 10,000 posti. Mi piacerebbe anche abbassare i prezzi, nonostante siano i più bassi in Europa”

Il torneo si svolgerà a Madrid almeno fino al 2021. A riguardo Tiriac ha detto “questo è ciò che c’è scritto, ma in effetti può accadere di tutto. Qualcuno dall’est potrebbe arrivare e mettere un po’ di soldi sul tavolo. Mi piace la Spagna, qui il tennis è il secondo sport in ordine di importanza, anche se non capisco come mai ci siano giorni in cui facciamo solo 3000 spettatori”

IL COMBINED E’ UN LUSSO: MANCANO TENNISTE CON PERSONALITA’  Come a Roma, dal 2011 a Madrid si giocano sia il maschile che il femminile nella stessa settimana, anche se il risvolto economico è ben differente “Avere un combined è coraggioso. Oggi come oggi il tennis femminile non è così popolare come il maschile. Il Tour ha bisogno di personaggi come Serena Williams o la Navratilova, con un tennis di qualità ma anche molta personalità” ha aggiunto Tiriac, che ha infine espresso la sua idea sul doping “Col doping sono drastico, introdurrei la pena di morte (dal punto di vista sportivo). Se un atleta si dopa è un figlio di p…ana, un ladro e merita di essere estromesso” in effetti il punto di vista di Tiriac sul doping è leggenda. Quando era presidente della Commissione Olimpica per la Romania, Tiriac aveva fatto passare una legge secondo cui se un atleta rumeno fosse risultato positivo al test del doping non avrebbe potuto partecipare ai Giochi Olimpici.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy