Us Open 2018 al giro di boa, promossi e bocciati della prima settimana

Us Open 2018 al giro di boa, promossi e bocciati della prima settimana

Dai big three a Zverev, da Murray a Wawrinka, dalla Little Italy alla NextGen, dall’abbigliamento di Fognini all’arbitro-coach: cosa è successo nei primi sette giorni a New York – A cura di Tennis Fever

di Stefano Cagelli e Marco Bottini

“Siamo professionisti. Devi permettere alla folla di partecipare. I newyorchesi vogliono il sangue”, diceva Jimmy Connors a proposito degli Us Open. Ora, il sangue non c’è stato, ma poco ci mancava. Già, perché il grande protagonista nei primi giorni a Flushing Meadows è stato il caldo devastante, che ha causato una serie di ritiri a raffica che manco la Parigi-Dakar e che ci ha addirittura fatto assistere alla scena in realtà quasi apocalittica di Novak Djokovic a bordo campo che si faceva misurare la pressione.

Il caldo, per fortuna degli organizzatori, che con l’Extreme Heat Policy sono andati letteralmente in tilt, è calato col passare dei giorni. E allora s’è cominciato a vedere il buon tennis. E dopo una settimana, prima cioè che da domenica (come in ogni Major tranne Wimbledon, dove si riparte con il Manic Monday) si cominci a fare sul serio, è già tempo di bilanci. Lo facciamo tramite una serie di promozioni e bocciature, che ci aiutano a fare il quadro di ciò che è avvenuto finora…

(clicca sui titoli in alto per continuare)

Se ti piace l’articolo vieni a trovarci sul sito www.tennisfever.it e metti mi piace alla nostra pagina su Facebook

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy