Venus Williams: “Non è ancora giunto il momento del ritiro”

Venus Williams: “Non è ancora giunto il momento del ritiro”

Esordio vincente a Stanford per Venus Williams che dopo avere messo in bacheca il tredicesimo slam di doppio con la sorella Serena, Venus Williams, 36 anni, dice non pensare minimamente al ritiro.

Commenta per primo!

Armata del suo ritrovato servizio che tanto aiuto le ha data sull’erba londinese (194,7 km all’ora registrati a Wimbledon.  207,6 invece, agli Us open del 2007 – secondo servizio più potente della storia del tennis femminile dopo quello di Sabine Lisicki – 210,8 kmh registrati proprio qui a Stanford due anni fa. Terza Serena con i 207 kmh registrati agli Australian open del 2013) Venus Williams ha esordito al torneo WTA Bank of the West Classic di Stanford dove ha vinto 6-3 6-7 6-2 contro la ventiquatrenne polacca Magda Linette (numero 87 del ranking).

Neanche il tempo, quindi, di assaporare il meritato riposo dopo la storica vittoria, a Wimbledon,  del tredicesimo slam di doppio in coppia con la sorella Serena che Venus Williams, 36 anni compiuti da qualche settimana, ritorna a dare battaglia alla sue più giovani colleghe e, sopratutto, dichiara  dalla sala stampa del torneo californiano di non pensare affatto al ritiro.

“Si. Lo so che non sono più giovanissima.  Sono tra le più anziane del circuito, solo poche sono più grandi di me ma questo per me è un vanto. Amo il mondo del tennis e amo il circuito. I miei successi provano che, nel tennis, non ci sono limiti di età prestabiliti. Bisogna continuare a giocare fin tanto che siamo in grado di farlo bene. Fin tanto che ci sentiamo pronti per farlo. Così come, solo quando mi sentirò pronta per farlo mi ritirerò”. 

Del resto anche sua sorella Serena ha confessato che senza di lei non sarebbe più lo stesso. “Senza Venus, ha dichiarato Serena, sarebbe davvero dura. E’ stata il mio sostegno in tutti questi anni. Spero che non accada troppo presto. So che lei ama tanto stare nel circuito. Qualche giorno la incontro e mi dice:  Wow, I really, really love it”.

Eppure non sono lontani i tempi in cui Venus collezionava più sconfitte che successi.  Appena sei mesi fa, Venus, veniva eliminata al primo turno degli Australian Open, del torneo di Indian Wells e di quello di Miami,  al secondo turno del WTA di Charleston e degli Internazionali di Italia. Da vera campionessa però, come ha sempre fatto durante la sua lunga carriera, riusciva a trovare le forze per non gettare la spugna.

Lei che dal 1995 incanta tutti gli appassionati, dopo l’ultima semifinale raggiunta a New York nel 2010, è riuscita alla veneranda età di 36 anni a conquistare le semi a Wimbledon dove ha già vinto per cinque volte il titolo di singolare.

0,,12781~11024999,00

“Ovviamente sono felice per il successo a Wimbledon  ed anche per questa prima parte della stagione. Era parecchio che non giocavo così tanti match in pochi giorni. E questo mi ha aiutato a mettermi in palla. Quindi ora voglio sfruttare questo momento”

Dopo essere precipitata alla posizione 103 del ranking nel 2011, Venus, è ora numero 7 del mondo. L’undici luglio, per lei, dopo tanto, troppo tempo, si sono aperte nuovamente le porte della cena dei campioni di Wimbledon.

“Dopo tutti questi anni di assenza è stato davvero emozionate prendere parte alla Champion’s dinner, ha commentato Venus. E’ stata diversa da tutte le altre. Una sensazione meravigliosa, eccitante. Mi sono davvero divertita”

Vedere per credere! A Stanford intanto, Venus,  si allena con la sorella Serena e tra una pausa e l’altra si diverte ballando sulle note di Break it down di Bruno Mars !

Ad attenderla, sulla strada per la conquista del terzo titolo “Bank of the West Classic” (in bacheca quelli 2000 e 2002) la vincente tra altre due statunitensi: le ventunenne Sachia Vichery e la diciassettennne Catherine Cartan Bellis rispettivamente numero 204 e 203 del ranking.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy