Venus Williams: “Alla fine siamo tutti esseri umani”

Venus Williams: “Alla fine siamo tutti esseri umani”

La più vecchia delle sorelle Williams parla dell’uguaglianza dei sessi nel tennis e si emoziona quando parla dei prossimi giochi Olimpici

1 Commento

 La tennista americana, in quest’intervista, parla del tema scottante dell’uguaglianza dei sessi nel tennis e delle prossime Olimpiadi.

E’ un tema che sta sempre lì. Bisogna accettarlo. Venus Williams ha fatto delle dichiarazioni per la WTA il giorno dopo essere stata eliminata nel torneo di Charleston a riguardo delle polemiche scatenatesi qualche settimana fa a riguardo del sessismo nel tennis e i montepremi in base al sesso. La giocatrice americana ha parlato senza alcun pelo sulla lingua.

Ci saranno sempre persone che credono che non tutte le persone debbano essere pagate ugualmente. Penso sia importante che gli uomini ci appoggino sotto quest’aspetto perché loro stessi hanno figlie, spose, sorelle… e credo che vogliano le stesse opportunità per i membri della loro famiglia. Tutti quelli che hanno moglie nella loro vita e che per loro è importante devono rendersi conto che ,quando dicono queste cose, le dicono anche per quelle mogli che sono nella loro vita. Devono capire davvero fino in fondo il significato di quel che dicono.”, spiega la californiana.

Alla fine della giornata siamo tutti umani. Siamo tutti uguali davvero. Non possiamo semplicemente lasciar le cose così? Questo è quello che non capisco davvero, perché una parte dell’umanità dovrebbe dominare l’altra? Pensavo fossimo un po’ più evoluti, e questo mi ha fatto davvero richiamare l’attenzione. Non riuscivo a restare calma, e questo mi ha fatto pensare a quello che ancora manca nel mondo del tennis femminile e, in generale, a tutte le donne del mondo. Il passo seguente è coinvolgere anche gli uomini; devono lottare per questa causa e capire che le donne sono alla loro stessa altezza. Questa è l’evoluzione che io mi aspettavo fosse già avvenuta”, afferma la vincitrice di 49 titoli di singolo.

“I leader politici, impresari, dirigenti sportivi, tutti i tipi di leader, bisogna che tutti gli uomini raggiungano questa mentalità. Questa nuova generazione di ragazzi che sta crescendo deve cambiare opinione, e per farglielo fare devono entrare in gioco anche gli uomini di adesso. Intendendo l’evoluzione come l’intendo io, penso che abbiamo fatto il sufficiente per far cambiare molte opinioni e aiutare a vedere che, quado dicono queste cose, è anche alla loro stessa famiglia che stanno andando contro”, dice una Venus davvero coinvolta in quest’argomento.

venus-olympics

Però, non solo il sessismo occupa il discorso del discorso della maggiore delle Williams. A meno che non ci saranno disgrazie, l’ex numero uno del mondo parteciperà alle sue quinte Olimpiadi:”Già cinque? Mio Dio! Questo vuol dire molto per me. I Giochi Olimpici hanno significato tanto… E’ stata una gioia e un onore partecipare quattro volte. Sarebbe come la ciliegina sulla torta riuscire a portare a casa qualche medaglia rappresentando gli Stati Uniti un’altra volta. Credo sia qualcosa di surreale, sarà molto emotiva per me quest’ultima volta”, conclude l’americana.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Enrico Carrossino - 2 anni fa

    Uguaglianza non significa trattare ugualmente situazioni differenti… Se il wta fa cagare e ha meno interesse dell atp è giusto prendano di meno… Non ho mai sentito calciatrici pretendere lo stesso ingaggio dei colleghi uomini

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy