Australian Open, ottavi: Angelique Kerber rischia ma batte in rimonta Su-Wei Hsieh. Madison Keys travolge Caroline Garcia

Australian Open, ottavi: Angelique Kerber rischia ma batte in rimonta Su-Wei Hsieh. Madison Keys travolge Caroline Garcia

Angelique Kerber in rimonta su Su-Wei Hsieh. La tedesca ha sofferto fino al termine del secondo set. Destabilizzata e visibilmente innervosita dal gioco dell’avversaria, ha piazzato la zampata decisiva al termine del combattutissimo secondo parziale. Su-Wei Hsieh è crollata nel terzo. Un’ottima Madison Keys ha concesso appena 5 giochi a Caroline Garcia, incappata in una giornataccia. Impeccabile la statunitense, non pervenuta la transalpina.

di Monica Tola

Angelique Kerber batte in rimonta Su-Wei Hsieh. La tedesca ha sofferto fino al termine del secondo set. Si è fatta imbrigliare e innervosire dagli angoli quasi impossibili e dalle variazioni dell’avversaria. Poi, piazzata la zampata che le ha consentito di vincere il secondo parziale, ha dilagato.

PRIMO SET – Angelique Kerber, in previsione del match contro Su-Wei Hsieh, aveva testualmente dichiarato: “E’ una giocatrice imprevedibile. Quadrumane, un modo di colpire difficile da leggere: rimane indietro rispetto alla palla e tira all’ultimo istante, impedendo all’avversaria di intuire la direzione. Poi lo slice e il chop..”. Esattamente ciò che Su-Wei Hsieh ha applicato in partita, riuscendo nell’intento di destabilizzare e innervosire la ex numero 1. Tanto che Angelique Kerber dopo 40 minuti era sotto di un set e seriamente nei guai. Spesso buttata fuori dal campo dai colpi affondati e angolati della numero 88 al mondo e beffata dalle smorzate, la tedesca non è riuscita a scambiare dettando i propri ritmi. Anzi: Su-Wei Hsieh ha usato l’arma del contropiede per chiudere i punti. Il parziale era iniziato bene per Angelique Kerber, che partita forte con un break in avvio era scappata sul 2-0 e poi 3-1. A parte gli schemi tattici di Su-Wei Hsieh a fare la differenza è stata la bassa percentuale di prime messe in campo dalla tennista di Brema che ha così prestato il fianco ai vincenti in risposta dell’avversaria. La Hsieh ha difatti recuperato nel sesto game il break di vantaggio (che è valso il pareggio sul 3-3) e chiuso 6-4 quando sul 4-5 Angelique Kerber è andata a servire per rimanere nel set. 19 i vincenti della giocatrice del Taiwan, contro i 9 della tedesca.

SECONDO SET – Le tribolazioni per Angelique Kerber continuano anche nel secondo parziale. Su-Wei Hsieh non concede punti di riferimento e la tedesca è completamente spiazzata dagli angoli sempre più stretti trovati dall’avversaria. La Kerber percorre chilometri, tira fortissimo e Su-Wei Hsieh con calma serafica arriva ovunque. Nel quinto game Angelique Kerber si vede annullare una via l’altra cinque palle break. Ma la Kerber è una grande atleta e finora ha mostrato una condizione fisica strepitosa. A imprimere una svolta non poteva essere che un calo di Su-Wei Hsieh. Si arriva al 3-3 con la numero 88 in apnea che nel settimo gioco concede il break. Non ne approfitta Angelique Kerber: gratuiti su gratuiti, tra i quali uno smash a colpo sicuro mandato fuori, regalano il controbreak a Su-Wei Hsieh: 4-4. Tradita dalla rabbia, la Kerber non ha più mezze misure: o gioca troppo corto o forza esageratamente spedendo fuori. Sotto 4-5 la tedesca va a servire per rimanere nel torneo e stavolta, a differenza del primo set, tiene con autorità. Angelique Kerber è consapevole di dover dare tutto, non sbagliare più e portare al terzo set una affaticata Su-Wei Hsieh, che ha speso tantissimo. Da esperta campionessa si prende il break nell’undicesimo gioco e avanti 6-5 va in battuta per allungare il match e tiene a zero.

TERZO SET – Su-Wei Hsieh è ferma sulle gambe. Gli angoli stretti non riescono più, le misure del campo sono completamente perse e solo Angelique Kerber può tenerla in partita. Ci riesce la tedesca che, avanti di un break agguantato in apertura, lo restituisce immediatamente sbagliando tutto. Dall’1-1 si riprende. Ed è un dilagare di Angelique Kerber che ha smesso di prendere rischi inutili e commettere errori banali, tattica scellerata quando dall’altra parte del campo c’è un’avversaria che non si regge più in piedi. Quattro giochi consecutivi firmati Kerber dall’1-1, accompagnano mestamente Su-Wei Hsieh a servire per rimanere nel torneo. Due match point salvati dalla numero 88 Wta allungano di un gioco una partita ormai segnata. Tocca ad Angelique Kerber, avanti 5-2, il turno in battuta per approdare ai quarti di finale. Missione compiuta dopo due ore e 11 minuti di gioco.

MADISON KEYS TRAVOLGE CAROLINE GARCIA – Brutto primo set per Caroline Garcia. Madison Keys ha comandato a proprio piacimento le operazioni: la statunitense ha servito bene, ed è stata velocissima nell’applicare lo schema battuta-chiusura. Invece il servizio non ha assistito la transalpina che con la seconda ha raccolto le briciole. Eppure la partenza era stata positiva per Caroline Garcia che in avvio di partita era già avanti di un break. Dopo aver mancato tre opportunità per il 2-0, la francese si è spenta. Madison Keys è diventata implacabile e dal braccio della giocatrice americana è partita una grandinata di vincenti che ha lasciato praticamente immobile Caroline Garcia. Dal 2-2 il parziale è scivolato di mano alla francese, che in un attimo si è trovata sotto 2-5 (con break centrato da Madison Keys nel sesto game). La francese ha anche avuto una opportunità per rientare, quando nel settimo gioco ha avuto a disposizione una palla break, ma nulla di fatto. Madison Keys ha amministrato senza problemi il vantaggio e chiuso 6-3 in 36 minuti. Non c’è praticamente partita: il secondo set è iniziato da 15 minuti e Caroline Garcia, con il quindicesimo errore gratuito consegna a una scatenata Madison Keys il 3-0 con doppio break. Occorre attendere 5 giochi per vedere lo zero cancellato dal tabellino di Caroline Garcia: 4-1 Keys, ma il doppio break è saldamente nelle mani della finalista agli Us Open. Un passaggio a vuoto della statunitense consente a Caroline Garcia di rosicchiarne uno, ma il rilassamento dell’americana dura un attimo. Aiutata anche dall’avversaria, aggredisce su ogni palla e se non sono colpi sparacchiati fuori dalla francese, sono veri e propri sfondamenti da parte della Keys. Impietrita, Caroline Garcia cede ancora il turno in battuta: 5-2 Keys che serve per i quarti di finale. Un’ora e 9 minuti di gioco e si arriva al match point. Madison Keys commette un doppio fallo, ma subito dopo di match point se ne procura un secondo. Quello buono. Lo score di 32 vincenti a 9 per l’americana in un incontro velocissimo fotografa perfettamente l’ottima prestazione della Keys, quanto la pessima giornata di Caroline Garcia.

Risultati:

[17] M. Keys b [8] C. Garcia 6-3 6-2

[21] A. Kerber b S -W Hsieh 4-6 7-5 6-2

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gianluca Santarelli - 6 mesi fa

    E poi parliamo del mondo del calcio, “gli italiani sono tutti allenatori” perché invece nel tennis non è uguale?? Tutti grandi tennisti dotati di tecniche sopraffine e tattiche di gioco impeccabili!! Tutti pronti a screditare chi non ha un gioco “convenzionale” come la Hsieh, definita in tutti i modi….ma datevi una ripigliata e soprattutto una ridimensionata! Vorrei proprio vedervi su un campo con una racchetta in mano….sai le risate!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Max Tugnoli - 6 mesi fa

    Forse la Hsieh ha giocato in modi diversi con ogni avversaria , come fanno quasi tutte oramai, studiando le debolezze altrui , ma , sempre con tutto il rispetto , non ha un.gioco suo , un colpo che si distingue e che sia il suo marchio di fabbrica , per cui deve per forza giocare sugli errori avversari e questo , se mi è permesso , non mi piace . È una giocatrice tattica , a cui deve andare tutto bene , perché tuttii colpi che ha tentato oggi con la Kerber andavano sempre bene , anche per merito suo certo , ma non venite a dirmi che è un ” bel vedere ” …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Perdonatemi intrusione, ma non posso non intervenire…tifando Kerber sin dall’inizio ho seguito bene le sue partite…le prime vere difficoltà le ha avute oggi contro una giocatrice geniale…la Hsieh ha avuto il merito di attivare il radar contro ogni avversaria e rilevarne le debolezze…ha giocato in modo diverso contro muguruza, contro radwanska e contro kerber…ha dominato gran parte del match per poi crollare solo perché stanca , vi ricordo che anche lei ha un’età tennistica abbastanza avanzata! Guardatevi i match prima di giudicare una giocatrice solo da come gioca il dritto o il rovescio…hanno dato vita a una bellissima battaglia, vinta, per fortuna, dalla mia beniamina ❤

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Purtroppo la hsieh ha avuto il braccino…peccato davvero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Max Tugnoli - 6 mesi fa

    Con tutto il rispetto del mondo , ma quello della Hsieh non è tennis!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Monica Tola - 6 mesi fa

      Esteticamente io lo trovo inguardabile. Poi già fatico a concepire il rovescio a due mani. Figuriamoci entrambi i colpi. Comunque pare funzioni. La Kerber era nervosissima e destabilizzata. Ha rischiato di perderla in due set. Poi, il crollo nel terzo era prevedibile, dato che la Hsieh era già stanchissima nel secondo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Max Tugnoli - 6 mesi fa

      Infatti , non si può veder giocare a certi livelli tutti e due i colpi a due mani , neanche avesse in mano una clava …e poi quel tipo di gioco senza nessuna iniziativa concepito solo per destabilizzare l’ avversaria , cosa che stava riuscendo a fare tra l’altro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alfredo Orrico - 6 mesi fa

      Ma alla fine Angelique il muro di Berlino l’ha battuta. Grande Angie!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Credo la Hsieh conosca il tennis sicuramente meglio di voi…quindi per arrivare agli ottavi di uno slam, sa come giocare…prenderla in giro per i colpi non da merito al suo modo di fare impazzire le avversarie…compresa la maga Radwanska…seguitelo bene il tennis prima di giudicare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Nadia Zanasi - 6 mesi fa

      Tu giochi meglio??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Max Tugnoli - 6 mesi fa

      Caro Pietro Valerio Baiamonte , qui nessuno ha preso in giro nessuno!!! Tu prima di scrivere sentenze dovresti leggere bene i commenti sopra, per quanto mi riguarda seguo il tennis , e lo pratico , da quando avevo 7 anni (quest’anno ne compio 54!!) ..tu ? Lo segui e lo pratichi il tennis ? Sul modo di giocare della Hsieh avrai una opinione diversa dalla mia e da quella di altri che leggo qui , ma nessuno ti impedisce di esprimerla , ci mancherebbe…de gustibus non est disputandum!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy