Australian Open: vincono Wawrinka, Djokovic e Janowicz. Cade Hewitt

Australian Open: vincono Wawrinka, Djokovic e Janowicz. Cade Hewitt

Nella giornata di oggi, a Melbourne, è stata completata la rosa di nomi che vanno a delineare il terzo turno del tabellone del singolare maschile.

Il rumeno Marius Copil ha dato del serio di filo da torcere al detentore del titolo Stanislas Wawrinka, che, nonostante abbia comunque vinto in tre set, ha rischiato qualcosa più volte. Lo svizzero ha chiuso per 7-6, 7-6, 6-3. Trionfa con una certa difficoltà anche Kei Nishikori, che ha sconfitto il croato Ivan Dodig solamente al tiebreak del quarto set. Approda al terzo turno anche Feliciano Lopez, ma lo spagnolo deve molto alla fortuna degli eventi: Adrian Mannarino, avanti per due set (6-4, 6-4), e sotto di un set per 7-6, si è ritirato nel quarto parziale.

Torna a risplendere un altro spagnolo, che su questi campi ritrova ottime sensazioni: Fernando Verdasco. L’iberico ha sconfitto in tre comodi set il giapponese Go Soeda, ma nel prossimo turno se la dovrà vedere con Novak Djokovic, che oggi ha lasciato letteralmente le briciole al russo Kuznetsov per 6-0, 6-1, 6-4.

2015+Australian+Open+Day+2+2TwuDihjfjGl

Da segnalare sono due importanti sconfitte. La prima è l’uscita di scena dal torneo del controverso Gael Monfils, testa di serie numero 17, battuto dal polacco Janowicz. Il polacco sembra prediligere i cinque set quando si tratta di Slam e anche questa volta ha portato a casa un’importante vittoria vincendo 6-3 nell’ultimo parziale. La difesa di Monfils poco ha potuto contro i vincenti e i tagli del polacco. Ha creato molto più dispiacere al pubblico la sconfitta del beniamino nazionale Lleyton Hewitt, che poco prima di iniziare il torneo dichiarò di sentirsi in forma smagliante e pronto a fare la differenza nello Slam australiano. A porre fine alle speranze di Hewitt è stato Benjamin Becker, prevalso al quinto set per 6-2.

Sono da spendere due parole sul lussemburghese Gilles Muller che, per anni “re” dei Challenger d’Asia, ora sembra aver trovato un gioco e una fiducia superiori agli scorsi anni; dopo una buona semifinale a Sydney, oggi Muller ha frenato l’avanzata della testa di serie numero 13 Roberto Bautista Agut in quattro set.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy