Nick Kyrgios: “Non mi importa molto essere fuori dalla top50”

Nick Kyrgios: “Non mi importa molto essere fuori dalla top50”

Intervistato in vista degli Australian Open, Nick Kyrgios fa il punto della situazione di inizio 2019 e parla della sua classifica

di Mattia Esposito

Non c’è mai fine all’irreparabile. Ma forse questa volta davvero è troppo tardi. Per Nick Kyrgios l’eta avanza, il talento è sempre quello certo ma purtroppo il tempo va perdendosi. L’amarezza per aver sprecato tali doti probabilmente è sempre maggiore, soprattutto dopo aver perso contro Jeremy Chardy al secondo turno di Brisbane. Così facendo, l’aussie ha perso tanti punti, così da uscire dalla top 50. Il gioco e la programmazione del tennista di Canberra è sempre più deficitaria e questo non amore per il tennis non trova soluzioni, quindi sarà impossibile migliorare. “È stata una pre-season magnifica, allenandomi ma anche restando a casa a riposarmi. Alla fine non è così male perdere contro un buon giocatore come Chardy, peraltro in tre set.” Con un filo di sarcasmo, il classe ‘95 dichiara ciò in conferenza stampa: “È positivo che mi sto approcciando di nuovo al tennis, soprattutto in ottica Australian Open 2019.” Da lunedì sarà 52 al mondo come minimo mentre ad inizio torneo era numero 13. Alla fine Kyrgios continua con le sue vicissitudini fuori dal campo: “In questi mesi di riposo volevo allontanarmi completamente dallo sport. Non mi importa più di tanto essere uscito dalla top50.” Nonostante ciò, l’australiano vuole far bene: “Non mi importa contro chi gioco: semplicemente mi importa il mio stile di tennis, allenandomi bene e entrare con la forma giusta in campo. Giocherò al Fab4 di Sydney e poi a Melbourne. Non so come andrà, sinceramente non ci sto pensando bensì voglio giocare al miglior livello. Mi allenerò e giocherò al meglio contro chiunque mi capiti.” Arriverà un fallimento o exploit agli AO2019?

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone Maselli - 3 mesi fa

    onestamente non capisco perché non si ritiri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Elisa Moro - 3 mesi fa

    È perso per il tennis in realtà non ha voglia di fare niente , e senza allenamento e sacrifici si fa poca strada

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Perri - 3 mesi fa

    Cretino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Rosario Occhipinti - 3 mesi fa

    A questo non gli importa del tennis direttamente… Ha questo talento e con quel poco sforzo che mette riesce a vincere qualche match…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy