Simona Halep: “non so come ho fatto a vincere oggi”

Simona Halep: “non so come ho fatto a vincere oggi”

Una partita difficile che ha messo a dura prova la numero uno Simona Halep, sorretta alla fine da un grande cuore. Una prestazione da copertina, invece, per la giovane Sofia Kenin di cui, certamente, sentiremo ancora parlare in futuro.

di Giuliana Cau

Essere la numero uno del mondo dovendo difendere la finale dello scorso anno, con una schiena non ancora del tutto a posto e senza coach, non è semplice. Ma il cuore, quello sì, può fare la differenza e oggi il cuore di Simona Halep è stato il vero campione in campo, capace di ribaltare una partita che le stava sfuggendo via come un cappello in balia del vento. La rumena, poche ora fa, contro Sofia Kenin ha rischiato di abbandonare anzitempo gli Australian Open. Dopo un primo set condotto senza particolari patemi, nel secondo è salito a galla il carattere della giovane americana che, non dimentichiamolo, alcuni giorni fa si è laureata campionessa al WTA International di Hobart a soli 20 anni, triturando (letteralmente) Anna Karolina Schmiedlova in finale. A 20 anni, quando hai classe e tennis da vendere, ciò che ti può fermare è l’inesperienza e la poca freddezza nel saper affrontare un match che vale oro. Sofia Kenin, in preda al nervosismo, ha così perso una partita che di fatto aveva in mano dopo essersi trovata ad un passo dal baratro nel secondo set. La sua avversaria, più esperta e più abituata a soffrire nonostante si sia lasciata sfuggire in maniera sciagurata un set di fatto già vinto, è rimasta attaccata alla partita fino all’ultimo istante, come solo una grande campionessa sa fare, sorreggendosi disperatamente grazie al servizio, fondamentale che la rumena ha migliorato tantissimo negli ultimi 12 mesi. La statunitense, invece, nei due games decisivi dell’incontro è semplicemente sparita dal campo, fagocitata da un nervosismo che non le ha più permesso di rifilare vincenti in ogni parte del campo. Ma nonostante questa vittoria, Simona Halep sa di trovarsi ancora in difficoltà. E’ poco reattiva nelle gambe, il dritto non sfonda e per lei che non possiede un gran gioco in attacco le lunghe corse stanno diventando insopportabili, tanto quanto gli acciacchi fisici che sembrano aver preso casa nel suo fisico minuto.

Ho sentito un piccolo fastidio nel secondo set e ho avuto molte difficoltà a stare dietro ad ogni palla e a correre così tanto. Ho continuato a lottare solo perché volevo vincere. Lei ha giocato un match straordinario, è stato difficile rimanere in campo così a lungo. Spero di giocare meglio nel prossimo turno.

Simona Halep, prima del debutto a Melbourne, non ha mai nascosto di non godere attualmente di una forma fisica eccellente e di non sapere fino a che punto potrà spingersi nel torneo. Sta comunque dimostrando di voler combattere sino all’ultimo punto per non cedere uno scettro abbastanza in bilico e insidiato da ben tre giocatrici: Petra Kvitova, Sloane Stephens e Naomi Osaka. Dall’altro lato Sofia Kenin ha dimostrato di essere un’avversaria ostica e complessa da affrontare. Possiede ottimi fondamentali sia col dritto che col rovescio e soluzioni tattiche non di poco conto: dritto in chop, accelerazioni in lungolinea e in incrociato, ottima copertura del campo e un servizio di valore. Per batterla occorre un status fisico ottimale e un’intraprendenza tattica maggiore o pari alla sua. Ha solo 20 anni, quindi tutto il tempo per crescere sotto il profilo mentale. In questo slam ha dimostrato di avere le carte in regola per ribaltare situazioni intricate, dove senza coraggio è impossibile dettare legge. Ad Hobart ha giocato un bellissimo torneo, senza mai perdere un set, ed estromettendo al primo turno una giocatrice come Caroline Garcia. Il suo cammino non si fermerà certamente qui, perché è ovvio che c’è un destino ancora tutto da scrivere.

La stretta di mano finale tra Halep e Kenin
La stretta di mano finale tra Halep e Kenin
17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dorina Vlad - 1 mese fa

    Brava Simona! Sanatate si curaj!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Clelia Mattana - 1 mese fa

    Brava Simo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Loris Polverari - 1 mese fa

    Solitamente quando si vincono partite così poi si vince torneo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fabrizio Bassani - 1 mese fa

    Simo non al top, ma ha battuto due avversarie rognose.la kenin arrivava da un gran torneo….
    Ed ora fara’ fuori le doping sisters per far crepare di invidia i rosiconi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Daniela Narducci - 1 mese fa

    Purtroppo per ragioni di orario non ho visto il match… Ma la Kenin sta crescendo davvero bene. L’ho vista giocare ultimamente in altri tornei ed è da tenere d’occhio. Simona, purtroppo, se ha faticato così tanto, può darsi che ne vada a risentire nei prossimi match. Ricordiamoci che ha avuto l’ernia al disco ed ha fatto solo una terapia conservativa, quindi sicuramente il dolore non è ancora del tutto andato via. Poi il clima perlopiù torrido non la aiuterà certamente a stare meglio. Lei soffre molto il caldo. Il cammino si prospetta molto difficile. Ma chissà… questa ragazza minuta, mette il cuore e dà tutto, quando gioca… potrebbe anche riuscire a confermare il titolo e sconfiggere dolori, avversari, clima avverso e tutto quello che ne consegue.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 1 mese fa

      Nel tennis tutto è possibile, ma senza mobilità non potrà andare lontano. Non una che della difesa ha fatto l’arma di gioco principale. Appena incontrerà una picchiatrice, Pliskova per esempio, per lei si farà durissima. Io credo che stia andando avanti grazie al cortisone.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Fabrizio Bassani - 1 mese fa

      Magari.☺.e non confermare dato che aveva perso…..ma questa supersimo un anno fa aveva dato l’anima ed era finita in ospedale sfinita……la piccola simo ha un cuore e due balls cosi’

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Liliana Dumitrescu - 1 mese fa

      Giuliana Cau h2h 6-3 Simona!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Clelia Mattana - 1 mese fa

      Non c’è caldo torrido questi giorni perlomeno. Normalissimo, la sera anche freschetto quindi un elemento si potrebbe eliminare dalla lista.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Biagio Zaccaria - 1 mese fa

      Daniela è un po’ troppo impaziente. I colpi ci sono

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Maria Diomede - 1 mese fa

    Mi dispiace molto per la sconfitta della statunitense che avrebbe meritato di vincere il match…se solo fosse stata più cinica e meno frettolosa.La Halep vista oggi è apparsa ancora non al meglio della forma ….dubito che possa raggiungere la finale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Perri - 1 mese fa

      Maria Diomede la Halep, senza la vescica capitata alla Kanepi, già sarebbe a casa da due giorni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Maria Diomede - 1 mese fa

      Concordo con te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giuseppe Fabrizio - 1 mese fa

      Sconfitta mentalmente la Kenin. Nel settimo game del terzo set.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Fabrizio Bassani - 1 mese fa

      Poveri rosiconi…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Maria Diomede - 1 mese fa

      Vedo che l’obiettivita’ latita in alcuni soggetti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Fabrizio Bassani - 1 mese fa

      Vedo che i rosiconi si atteggiano sempre da so tutto io.soggetti ridicoli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy