Atp Finals in archivio: Cosa ricordare e cosa dimenticare

Atp Finals in archivio: Cosa ricordare e cosa dimenticare

Si son concluse le Atp Finals di Londra, un’edizione dove il bel gioco ha latitato. Ecco alcuni fatti che ce le faranno ricordare o che speriamo di non rivedere e dimenticare.

di Alex Bisi, @AlexBillyBisi

Il Master di Londra si è concluso e alcuni stanno esultando, si avete letto bene esultando perché quest’edizione non ha brillato per bel tennis.

Ci ha regalato un giovane e nuovo maestro ma sopratutto nei match di round robin si son visti brutti incontri, in particolare nel girone Hewitt dove i giocatori erano alle corde già alla partenza.

Ma passiamo in rassegna qualche avvenimento per cui ricorderemo o vorremo dimenticare questo Master.

Kiki Mladenovic rimbalzata dagli stewart all’allenamento del fidanzato Dominic Thiem perché non aveva il pass. Ne deriva una lite furiosa con il personale che permette all’austriaco di far uscire dal retro la ragazza con cui si era appartato e per la quale aveva nascosto il pass della bella fidanzata.

Dicevamo di un livello di tennis non adeguato alla manifestazione, con un Kei Nishikori che batte nel primo incontro Roger Federer senza sapere ben come, per vincere  7 game nei successivi incontri. Kei raggiunge tali livelli di frustrazione durante il match con Thiem da dimenticarsi di esser giapponese e tentare di rompere (senza riuscirci) la racchetta maledicendo il suo box perché  a Londra non ci voleva venire.

In ottica Davis i tifosi croati non dormono sonni tranquilli, anche in questa competizione Marin Cilic ha confermato il trend che non lo vede riuscire a chiudere un set o un match in situazione di vantaggio. Con la finale alle porte i fantasmi dell’Argentina si riaffacciano prepotentemente.

Sempre rimanendo in ambito round robin possiamo serenamente dire che la notizia più emozionante è stata la storia di Peter Torebko che ha inviato una mail all’ATP per potere partecipare a titolo gratuito come sparring partner.

Il master non riguarda solo il singolare ma anche il doppio e qui prende prepotentemente la scena Jack Sock che frustrato dall’anno avuto come singolarista cerca di uccider gli avversari con missili terra-aria sparati dal braccio, e quando non gli riesce con Lukasz Kubot trasferisce la sua ira su Marcelo Melo.

L’americano è on fire prima cerca di forzare lo spogliatoio di Federer e in seguito punta all’Oscar come miglior attore simulando un infortunio degno di Neymar nel match con la coppia Murray/Soares.

Da un vincitore di master come Sock all’altro, Sascha Zverev appena conclusa la vittoriosa finale con Novak Djokovic è stato zittito durante l’intervista post gara invitato a bere champagne e troncare un prolisso soliloquio.

Ma c’è un avvenimento per cui ricorderemo questo Master, il caso del ball boy del match di semifinale tra Zverev e Federer.

I tifosi del King vogliono la testa del ragazzino, che pare abbia abbandonato il tennis e si sia chiuso in un Pub per dimenticare l’onta della vergogna.

Scherzi a parte c’è una cosa che speriamo di non veder nuovamente, i fischi ad un giocatore durante una premiazione che ha avuto l’unico torto di battere, meritatamente, il beniamino delle folle ma che non meritava un trattamento del genere.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Antonello Carta - 3 settimane fa

    Livello basso mancano troppi giocatori di classe infortunati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giselda Meneghetti - 3 settimane fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Angela Serusi - 3 settimane fa

    Da qui ad usare l ‘appellativo “maestro” ce ne passa ma meritevole sul campo, quindi bravo zverev, un po’ meno Nole che “cicca” la seconda finale di seguito nonostante una stagione che gli ridà il primo posto, questo a dimostrazione del fatto che nessuno è imbattibile a lungo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Brunella Tamagna - 3 settimane fa

    Numero uno con il vero numero uno fermo x infortunio..facile diventarlo cosi:

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Marinella Toni - 3 settimane fa

    Alla lunga la gioventù paga perché mi è parso di vedere il tedesco solido preciso potente nei colpi e fantasia poi i riflessi e velocità doppia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Enrico Sebastiano - 3 settimane fa

    Una paliata in finale per il serbo ci voleva proprio. Il problema è che se il fisico gli regge, distruggerà tutti l’anno prossimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mirko Cappilati - 3 settimane fa

    Ma perché quando gioca FEDERER tutti i finti sportivi che tifano Djochivich solo pronti ad offendere se FEDERER perde mentre adesso tutti zitti e nessun commento sulla partita persa del loro begnamino?adesso capite perché FEDERER sarà sempre il numero 1.il serbo potrà battere tutti i record ma rimarrà sempre al disotto del RE.solo arroganza come i suoi TIFOSi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Francesca Sarzetto - 3 settimane fa

      Mirko Cappilati perché i tifosi di Federer invece sono sportivissimi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mirko Cappilati - 3 settimane fa

      Non dico che sono tutti sportivi.Ma almeno sanno con chi hanno a che fare.i tifosi del serbo che dicono che il migliore e Djochivic .quando lui stesso ha detto che FEDERER e il più forte di tutti i tempi capusco essere tifoso ma ammettere chi e il migliore e solo segno di sportività. Poi è un mio punto di vista

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Cristina Failla - 3 settimane fa

      Mirko Cappilati Bue “solo” arroganza Nole non direi !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Gabriel Juventino Squillace - 3 settimane fa

      Mirko Cappilati bravo finalmente uno che dice le cose come stanno… i tifosetti del serbo pur di non ammettere che lo ha stracciato ieri Zverev chissà cosa si inventeranno…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Francesco Azathoth Pastore - 3 settimane fa

    Abbiamo avuto in finale l’attuale meritato numero uno contro un futuro probabile numero uno, cosa non è andato come doveva andare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Deibianchi - 3 settimane fa

      Il fatto che pensare che il prossimo numero uno sia zverev è una rovina per il tennis

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Francesco Azathoth Pastore - 3 settimane fa

      Andrea Deibianchi neanche a me esalta particolarmente il suo tennis, però è realistico pensare che Federer, Nadal e Djokovic non giocheranno fino a 40 e passa anni, Wavrinka e Del Potro paiono già al tramonto, e dietro di loro il finto tedesco mi sembra quello più completo e forte anche di testa, peraltro considerata l’età…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Francesca Sarzetto - 3 settimane fa

      Francesco Azathoth Pastore Delpo non è al tramonto, finalmente ha cominciato a brillare come poteva! Ha ancora una manciata di stagioni ad alti livelli

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Sonia Dipasquale - 3 settimane fa

      Francesca Sarzetto sono d’accordo con te, delpo non è assolutamente al tramonto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy