Fed Cup, Barazzutti: “Sara non giocherà neanche domani”. Schiavone: “Io sono pronta”

Fed Cup, Barazzutti: “Sara non giocherà neanche domani”. Schiavone: “Io sono pronta”

Il capitano del team azzurro è deciso: “Noi non ci arrendiamo, daremo il massimo. Ma Sara non c’è”. Schiavone: “Oggi è stata una vera emozione. Ho quasi 36 anni e penso sempre sia l’ultima volta…”.

Con l’Italia sotto 2 a 0 e a un passo dall’eliminazione del World Group I, le nostre ragazze ora non possono più perdere un solo match. Un’impresa difficile, considerate le due pesanti sconfitte odierne di Francesca Schiavone contro Garbine Muguruza e di Roberta Vinci contro Carla Suarez Navarro.

A pesare sul campo è stata indiscutibilmente l’assenza di Sara Errani, ferma a causa di un infortunio alla gamba destra (un risentimento al bicipite femorale contratto in allenamento). Sara questo pomeriggio si è sottoposta a un’ecografia – come aveva rivelato il noto medico Pier Francesco Parra, il “Doctor Laser” – la quale ha confermato che Sara non è in condizioni di scendere in campo. Non solo oggi e domani, ma anche nelle prossime settimane l’azzurra potrebbe avere ancora qualche problema fisico che potrebbe comprometterle la stagione su terra rossa, dove la romagnola difende molti punti.

Purtroppo non ce la fa”, ha commentato lapidario Barazzutti a proposito di Sara. Il capitano della Fed Cup comunque non pensa che tutto sia perduto e che domani le azzurre devono crederci fino alla fine. “Queste ragazze hanno scritto la storia del tennis italiano vincendo quattro Fed Cup negli ultimi dieci anni”, ha spiegato Barazzutti. “Francesca per oltre un’ora contro la Muguruza ha giocato un gran tennis, a livello del Roland Garros 2010. La spagnola è numero 4 del mondo, non dimenticatelo… Lo sport è questo, ma non ci arrendiamo, domani giocheremo i match che restano e le ragazze proveranno a dare il massimo per ribaltare il risultato”.

Ormai sembra quasi certo che le due singolariste italiane che scenderanno in campo domani saranno le stesse di oggi: Francesca Schiavone, che se la vedrà contro Carla Suarez Navarro (in un match molto promettente dal punto di vista estetico, tra i due migliori rovesci a una mano del circuito) e Roberta Vinci, che dovrà alzare di molto il suo rendimento contro Garbine Muguruza.

Ero molto emozionata durante l’inno. Ho quasi 36 anni ed è normale pensare che potrebbe essere l’ultima volta…”, ha spiegato Francesca Schiavone sul match di oggi. La Leonessa si è dichiarata ovviamente disponibile a scendere in campo e dare tutto fino alla fine per la sua squadra: “Nell’eventualità io sono pronta. Come sempre”.

Qui tutte le dichiarazioni delle protagoniste della prima giornata di Fed Cup tra Italia e Spagna.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy