Caso meldonium, Kuznetsova: “Manca solidarietà”. Lepchenko: No comment”

Caso meldonium, Kuznetsova: “Manca solidarietà”. Lepchenko: No comment”

Sì parla ancora del medicinale proibito dalla Wada cui è risultata positiva Maria Sharapova. Svetlana Kuznetsova mostra il suo sostegno alla connazionale, mentre Varvara Lepchenko preferisce tacere.

L’ex numero due al mondo Svetlana Kuznetsova, impegnata in questi giorni al Roland Garros, torneo che ha vinto nel 2009, è tornata a parlare del caso Sharapova.

“NESSUN SOSTEGNO FRA COLLEGHE” –  Un giornale rumeno le ha chiesto se fosse rimasta sorpresa riguardo alle dichiarazioni di alcuni giocatori, e soprattutto sulle pungenti opinioni di Dominika Cibulkova, dopo la positività al meldonium  di Maria Sharapova. La Kuznetsova ha risposto dicendosi dispiaciuta e choccata dalla quantità e dalla tipologia di commenti aggiungendo che dietro le quinte vengono dette cose molto più pesanti. Ha poi aggiunto parlando in particolare del meldonium :”Io non sono un medico ma conosco molte persone che hanno lasciato questo sport per problemi di cuore. Io ho paura di prendere qualcosa che contenga sostanze dopanti, ho davvero tanta paura. Lo sciroppo per i bambini, per esempio, contiene efedrina”. L’attuale numero 15 del ranking ha poi fatto notare di non aver contattato telefonicamente la connazionale, che sarebbe comunque a conoscenza della sua posizione più neutrale rispetto alle colleghe. La russa ha concluso l’intervista amaramente parlando dei rapporti tra giocatrici: “Solidarietà tra tenniste? Ti sorridono davanti poi alle spalle ti pugnalano”.

“PARLO SOLO DI TENNIS” – Di tutt’altro trend l’intervista alla giocatrice statunitense Varvara Lepchenko. La tennista era stata sospesa per due mesi in seguito alla positività al meldonium, e alla domanda sul suo caso si è trincerata dietro un no comment. “Al momento non ho nessun commento su questo. Sono qui solo per rispondere alle vostre domande sul tennis. Se avete qualche domanda sulla mia partita, sarò lieta di rispondere. Ma altrimenti, non ho nessun commento da fare”. In seguito a queste dichiarazioni, sono susseguite due domande sullo stesso argomento, e a sua volte, altre due risposte identiche alla prima: un silenzio decisamente molto rumoroso.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy