Daniil Medvedev chiede scusa dopo la squalifica per una frase razzista

Daniil Medvedev chiede scusa dopo la squalifica per una frase razzista

Daniil Medvedev, squalificato in seguito ad una frase razzista pronunciata nei confronti di Donald Young e dell’arbitro, porge le proprie scuse attraverso un post su Facebook. ” Le mie parole sono state interpretate male. Il campo non é il posto per mostrare le emozioni ma la propria qualitá tennistica”.

1 Commento

Daniil Medvedev ha presentato le proprie scuse su Facebook dopo la squalifica per comportamento razzista patita nel Challenger di Savannah.

In seguito ad una decisione arbitrale sfavorevole, il russo si é fatto scappare la frase “so che siete amici” in riferimento al suo avversario Donald Young e al giudice di sedia neri di pelle. Il 20enne russo ha voluto mettere le cose in chiaro chiedendo scusa e sfogandosi sui social: “Non ho un ricordo chiaro di quello che ho detto. L’emozione ha preso il sopravvento e ho perso la calma. Mi dispiace. Sono un tennista e questa é la mia professione. Sono stato interpretato male. Il campo non  é il luogo per mostrare le emozioni ma la qualitá tennistica”. 

Non si sa ancora l’entitá della sospensione ma le scuse cambieranno di poco le cose.

Fonte: TennisActu

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Enrico Carrossino - 11 mesi fa

    Ma non era razzista che palle

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy