Djokovic, risuona il campanello d’allarme

Djokovic, risuona il campanello d’allarme

Problema per il n1 al mondo durante l’allenamento sul centrale di Flushing Meadows.

11 commenti

Il polso continua a non dare tregua al campione serbo Novak Djokovic.Dopo che ha saltato il torneo di Cincinnati per il problema all’articolazione, Nole sembrava aver recuperato e pronto per giocare gli Us Open (che cominceranno lunedì) ma durante l’allenamento svolto sul centrale di Flushing Meadows con il collega Marin Cilic, tennista serbo si è subito fermato a causa del dolore ed è scattato subito il campanello d’allarme per il favorito n1 dell’ultimo slam dell’anno gli Us Open.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Enrico Carrossino - 1 anno fa

    Io mi gioco una finale Murray cilic, con lo scozzese che dovrebbe prendersi la rivincita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessandro Corona - 1 anno fa

    La gente ammetterà che Federer è il GOAT quando Djokovic e Nadal a 34 anni saranno al mare alle Maldive, altro che numeri 2 del mondo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Damiano ROlland - 1 anno fa

    Faccio una piccola digressione. Ho letto il vostro articolo su Federer di qualche tempo fa dove volevate suggerire che l’elvetico non era il re del tennis e che abbia goduto di un periodo avaro di talenti.
    Non sono assolutamente d’accordo.Hewitt o un Roddick sono avversari forti. Spezzati con una risibile facilità, ma se un Federer vecchio e sciancato se la gioca con i cosiddetti fenomeni (Murray, Djokovic ecc) mi sembra evidente che al top li avrebbe battuti. Basta guardare una partita degli anni di dominio per capire che quel Federer era molto più forte di quello odierno.
    Nadal è stato l’unico che ha raggiunto il suo livello.
    Djokovic e Murray, non me ne vogliano i tifosi, sono dei campioni, ma non dei fenomeni ed hanno iniziato a vincere sul serio quando i due mostri sono calati.
    Djokovic nello specifico, che è diverse spanne sopra Murray, si trova avversari facili da battere e caratterialmente fragili. Scende in campo con la certezza che se gioca ad un buon livello vince. Significa che purtroppo per lui, quello che doveva divenire il suo più grande rivale, ovvero Del Potro (che lo batte usando lo slice alle olimpiadi su cemento), quando si è infortunato lo ha privato di una rivalità che avrebbe esaltato la sua carriera, altrimenti minacciata da un legittimo dubbio: fu vera gloria?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giulio D'Errico - 1 anno fa

      Djokovic in questi 2 anni ha usufruito della scarsa concorrenza. Federer e Nadal ormai sono finiti. Wawrinka vive alla giornata e Murray solo quest’anno è abbastanza continuo. Quindi ha vinto molto e giocando non al meglio. Un Djokovic al 60 % basta e avanza per tritare gli avversari. Ogni tanto lascia qualche set a casaccio, ma alla fine vince i tornei che contano.
      Più o meno il livello di concorrenza è lo stesso che aveva Federer a inizio carriera.
      Direi molto meglio il Djokovic del 2011. Molto più forte atleticamente, forse meno forte di testa.
      L’unico che ha sempre affrontato grandi giocatori al meglio è Nadal. Prima ha giocato contro Federer negli anni di dominio, poi ha avuto il suo periodo d’oro e poi contro Nole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Damiano ROlland - 1 anno fa

      Federer ha avuto una carriera molto più continuativa nei risultati. Nadal praticamente si sta ritirando e ora non è più come una volta. Federer invece ha saputo mantenersi ad un grande livello negli anni in virtù del suo talento. Ora anche Djokovic così come Nadal sta pagando il tennis fisico.

      Ragazzi gli avversari di Federer erano forti. È stato l’elvetico che li ha fatti apparire deboli ridicolarizzandoli, alla stessa maniera con cui se la gioca con i più forti di oggi. Ad esempio l’anno scorso ha schiacciato Murray a Wimbledon con una facilità inusitata. Alla stessa maniera in cui schiacciava campioni come Hewitt e Roddick. Anche gli avversari di Ali parevano scarsi al suo cospetto.

      Non sono mica sicuro che Roddick al top oggi non avrebbe vinto degli slam in più. Proprio per niente sicuro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Damiano ROlland - 1 anno fa

      Francamente non sono sicuro che Djokovic avrebbe vinto altrettanto con Federer in miglior spolvero. Per nulla sicuro e parliamo di un tennista che giocava con una racchetta con un piatto corde di 90 e che maledetto alla sua testardaggine poteva cambiarla da molti anni!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Alberto Larghi - 1 anno fa

      solite stronzate. djokovic ha battuto il miglior federer negli ultimi slam. Lo svizzero arrivò in finale senza perdere set.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Damiano ROlland - 1 anno fa

      Non sono d’accordo. Il miglior Federer poteva reggere fisicamente ad una partita di 5 set. Va a vedere la finale di Roma nel 2006 e dimmi se fisicamente sono paragonabili. Djokovic quella finale la vinse perché Federer al 5 non ne poteva più, vinse per sfinimento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Damiano ROlland - 1 anno fa

    È normale, per il gioco che fa è stato anche “fortunato” a non aver infortuni. Per esempio Hewitt non lo fu altrettanto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mario Frasca - 1 anno fa

    Era scontato… un crollo lo doveva fare… in bocca al lupo! Ma paragonarlo e dire che è superiore a Federer e Nadal è stato molto prematuro….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giselda Meneghetti - 1 anno fa

    Purtroppo arriva X tutti ! Mi spiace e …. Auguri non mollare !!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy