Federer: “Se non avessi fatto il tennista sarei diventato calciatore”

Federer: “Se non avessi fatto il tennista sarei diventato calciatore”

Simpatica iniziativa del Crédit Suisse, uno degli sponsor dello svizzero, che con l’hashtag “#askroger!” ha permesso ai fan di fare qualche domanda allo svizzero. Ecco le sue risposte.

La stagione ormai volge al termine. Con le Atp Finals si assegnerà anche il titolo di maestro, ma per la prima volta dopo tanti anni non vedrà in lizza lo svizzero Roger Federer Con l’hastag #askroger il Crédit Suisse, sponsor dello svizzero, ha invitato gli innumerevoli a fans dell’ex numero del mondo, a porgli domande e chiedere curiosità sulla sua carriera. Ne riportiamo solo alcune.

CALCIATORE MANCATO – Che lavoro avresti fatto se non avesse sfondato nel tennis? “Probabilmente sarei diventato calciatore professionista. E mi sarebbe piaciuto segnare i gol della vittoria”. Federer è un grande appasionato di calcio. Prima di dedicarsi anima e corpo a diventare il più grande giocatore degli ultimi vent’anni, fino all’età di tredici anni militava nelle giovanili del Basilea. squadra delle quale è ancora molto tifoso e che dovette lasciare proprio per concentrarsi sul tennis.

CONSIGLI AI GIOVANI – Che consiglio daresti ai ragazzini che come te si trovano oggi a volere intraprendere la carriera professionistica? “Direi di ascoltare di più i loro genitori, i loro allenatori ed i loro amici”. Come sei riuscito a diventare cosi tanto, più concentrato e mentalmente forte rispetto ai primi anni della tua carriera, in cui mostravi spesso segni di nervosismo? “(Sospira) una volta ho deciso che sarei diventato più forte nei momenti decisivi dei matchs. Beh, e passato tanto tempo ma  ora la mia testa e uno dei miei punti di forza”.

1 commenti

1 commenti

  1. Graziella Franco Cicognani - 3 settimane fa

    sei grande !!!!!!! Non mi mai dirlo

    Mi piace Non mi piace

Commenti chiusi

Recupera Password

accettazione privacy