Il manager di Kyrgios: “Jelena Jankovic disgustosa”

Il manager di Kyrgios: “Jelena Jankovic disgustosa”

Duro attacco di John Morris su Twitter dopo il ritiro della serba a partita appena cominciata in quel di Miami.

Arriverà il giorno in cui si parlerà di lui per meriti esclusivamente tennistici. Stiamo parlando di Nick Kyrgios, al centro di una nuova polemica per via indiretta. Questa volta il manager ed agente del giovane tennista australiano, John Morris, si è lasciato sfuggire un commento ‘borderline’ su Jelena Jankovic che dopo un solo game di gioco si è ritirata dal torneo di Miami in corso per un problema alla spalla destra.

La serba, impegnata nel secondo turno contro Magda Linette, è stata pesantemente attaccata da Morris con questo tweet: “Disgustoso, Jankovic è stata capace di fare una cosa del genere oggi quando ci sono tante LL pronte a giocare. Tutto questo è pessimo per lo sport”.

Le critiche non hanno tardato ad arrivare: i più hanno ricordato all’agente di come, ad esempio, lo stesso Kyrgios abbia finto un problema fisico per saltare la Coppa Davis e poi presentarsi fresco come una rosa nel torneo di Indian Wells.

Due sono le domande principali da porsi: può un manager di un tennista prendere posizione così netta su un altro tennista? Come risolvere una prassi che nel tennis femminile sta effettivamente prendendo una brutta piega, a prescindere dal caso in questione?
5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marisa Stronati - 2 anni fa

    Tale giocatore tale allenatore!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Maurizio Danovaro - 2 anni fa

    Uno peggio dell’altro; questi due andrebbero radiati dall’ATP

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Impollonia Alessandro - 2 anni fa

    Il bue che dice cornuto all’asino…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fabio Traina - 2 anni fa

    Enrico Sau

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Enrico Sau - 2 anni fa

      che cavolo vogliono questi qua da Jeka?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy