Il sogno infranto di Del Potro: “Ora mi godrò le vacanze nella mia Tandil”

Il sogno infranto di Del Potro: “Ora mi godrò le vacanze nella mia Tandil”

La grande rincorsa dell’argentino si è conclusa con una sconfitta, rimediata al terzo set contro Isner: “Sono esausto, ho dato tutto. Ma non pensavo davvero di farcela”.

Ormai molti ci credevano, e probabilmente anche lui stesso. Juan Martin Del Potro, dopo la semifinale degli Us Open, ha disputato un finale di stagione incredibile, scalando posizioni e guadagnando punti, mantenendo ancora accese le speranze per un ultimo posto alle Atp Finals di Londra. La sconfitta rimediata ieri contro lo statunitense John Isner però ha cancellato ogni possibilità: ora al Masters di fine anno ci andrà quasi sicuramente lo spagnolo Pablo Carreno-Busta, oppure John Isner o Jack Sock qualora vincessero il Master 1000 di Parigi-Bercy.

“Sono triste per questa sconfitta. Isner ha giocato molto bene, non mi ha dato alcuna possibilità – ha spiegato Delpo – Avevo bisogno di un po’ di fortuna, ma non sono stato in grado di sfruttare le chance che ho avuto. Sinceramente non mi aspettavo davvero di qualificarmi per le Finals”, ha aggiunto con un po’ di rammarico.

“Sono esausto”, ha aggiunto il colosso di Tandil, che dagli Us Open in poi ha giocato 25 match. “Ho dato tutto, non ho nulla da rimproverarmi. Oggi ho giocato tre set, senza gambe né energia. Penso che quello di quest’ultimo periodo sia il più grande sforzo che abbia mai fatto dopo il mio ritorno. Ora è arrivato il momento di godermi le vacanze a Tandil. La prossima settimana sarò n. 12 del mondo”. L’argentino dunque non partirà per Londra, nemmeno come ‘riserva’.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy