Jelena Jankovic potrebbe ritirarsi presto

Jelena Jankovic potrebbe ritirarsi presto

Afflitta da un problema alla schiena, vittima di un intervento chirurgico e con la possibilità di uno nuovo alle porte, la serba dichiara a zurnal.rs: “Dipenderà tutto dalla riabilitazione”.

 Sono lontani i tempi in cui Jelena Jankovic era numero uno del ranking, per 18 settimane a cavallo fra il 2008 e il 2009, e raggiungeva una finale Slam agli US Open nel 2008. La serba non è mai riuscita a cancellare quelle zone d’ombra che la rendono la peggior nemica di se stessa. Unitamente ai numerosi problemi fisici non ha mai conquistato uno Slam pur avendo tutte le qualità tecniche e tattiche per vincere anche nei major.

Sei stata la migliore del mondo nel 2008, ma non sei rimasta in vetta per molto tempo. Hai commesso degli errori, cosa cambieresti ora se potessi tornare indietro? “Ho una carriera ricca e di successi. Io appartengo al gruppo delle giocatrici più longeve del circuito WTA. Per molti anni sono stata in top ten, ho giocato più di 1.000 partite … Avrei potuto prestare maggiore attenzione al recupero e alla cura del mio corpo. Negli ultimi anni ho avuto molte infortuni che non mi hanno permesso di prepararmi bene e competere al meglio, mi sono affidata solo al mio talento”.

È da circa un anno che circolano voci sul possibile ritiro di Jelena Jankovic. Lei aveva sempre smentito, o quantomeno rinviato, l’argomento ribadendo la voglia di tornare in campo e dare il massimo parlando di spirito e voglia personale di dimostrarsi ancora una giocatrice di alto livello. Da qui la decisione di non giocare più nel 2017 provando a rientrare al meglio nel 2018. “Lottare è sempre stata una mia caratteristica” dichiara, “sono una che quando scende in campo vuole lasciare fino all’ultima stilla di sudore”.

Ad inizio ottobre è uscita dalla top-100 dopo 726 settimane consecutive (quarta dietro a Svetlana Kuznetsova, Francesca Schiavone e Daniela Hantuchova) e ora, in una bella intervista a zurnal.rs, per la prima volta ammette di pensare al ritiro: “Dopo lo US Open sono stata costretta a concludere la mia stagione visto che i trattamenti che stavo facendo per alleviare i dolori (alla schiena, ndr) non sortivano l’effetto sperato. Questo mi ha indotto a prendere una pausa nel vero senso della parola: è da tantissimo che sto lottando con degli infortuni. Voglio giocare, ma sento che non ho più le forze per farlo. Non come vorrei. Amo molto il tennis, non è facile non giocare, sto cercando comunque di darmi un’altra chance. Ho avuto un intervento chirurgico alla schiena, probabilmente ne dovrò affrontare un altro, vedremo cosa fare in base a come procederà la riabilitazione. Il 2017 è stato un anno complicatissimo. Sono maturata come persona e come giocatrice in modo da poter pensare razionalmente. In questo momento non penso a quello che accadrà al mio ranking perché ho una seconda priorità. Ciò che accadrà nel prossimo futuro dipende da molti fattori”. A precisa domanda su un eventuale ritiro, la ex numero 1 del mondo ha poi risposto: “Sì, sto pensando molto all’ipotesi di ritiro. Tutto dipenderà dalla mia salute. Se la riabilitazione andrà bene la guerriera che è in me cercherà di vincere anche questa battaglia”.

Franco Campagna

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy