John Isner: “Avrei fatto meglio a restarmene a casa e vedere il football in tv”

John Isner: “Avrei fatto meglio a restarmene a casa e vedere il football in tv”

Il 32enne americano, visibilmente dispiaciuto, parla della sconfitta di ieri in tre set contro Mischa Zverev e delle sue possibilità sprecate di avanzare nella parte bassa del tabellone degli Us Open, dove ormai era diventato il favorito per arrivare in finale: “Mi sento uno schifo”.

Non abbiamo timore di dirlo: ieri John Isner ha sprecato una delle occasioni più grandi della sua carriera: quello di arrivare, per la prima volta, in finale in uno Slam, gli Us Open. Con l’uscita di scena di praticamente tutti i favoriti per il titolo a parte Roger Federer e Rafael Nadal, la parte bassa del tabellone degli Us Open si era aperta incredibilmente, senza un vero favorito alla conquista della finale: comunque vada sarà una sorpresa. Fino a ieri era Marin Cilic, vincitore nel 2014, il candidato più probabile, ma è stato eliminato a sorpresa dall’argentino Diego Schwartzman. Così il favorito, per poche ore, era diventato proprio il tennista di casa John Isner, n. 15 del mondo, che qui al massimo ha fatto i quarti di finale, nel 2011. La sconfitta di stanotte contro Mischa Zverev in tre set ha distrutto anche i suoi sogni, lasciando così il connazionale Sam Querrey come unico statunitense ancora in gara.

Avrei dovuto vedere il football invece di entrare in campo“, sbotta Isner in conferenza stampa, visibilmente deluso e dispiaciuto. “Lo so, faccio sempre fatica a giocare in questo torneo nella sessione serale. Non penso di aver mai vinto un match la sera qui. Di giorno invece non ho perso molti match, quindi… Non so. Ci si sente da schifo. Avrei voluto giocarmi meglio le mie carte, ma non l’ho fatto“. Durante la partita Isner ha ricevuto un trattamento medico al collo dolorante. In generale, Isner ha sofferto molto il gioco frizzante del tedesco, che più volte è sceso a rete per chiudere i punti: “Mi ha reso le cose molte difficili in quel modo. Non sono Djokovic e Murray, in grado di fare dei grandi passanti. Aver perso è dura e molto frustrante”.

 

 

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fernando Valeri - 3 mesi fa

    Nn me l aspettavo questa sconfitta, peccato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessandro Bertapelle - 3 mesi fa

    Il classico treno che non passerà più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Michele Monfasani - 3 mesi fa

    Il tennis a volte ti distrugge psicologicamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. peccato che il football Nfl inizia prossima settimana

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Stano - 3 mesi fa

    Peccato…hai perso la più grande occasione della tua vita JHON…i treni passano solo una volta…Spazio alla next Gen

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Lorenzo Amaduzzi - 3 mesi fa

    Chi vive principalmente di servizio quando si irrigidisce lo perde e amen,non si vince più una partita… mi è sembrato di rivedere karlovic sul 2/2 della finale di davis,non la buttava…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniela Bertuola - 3 mesi fa

      Ma lui diverso di karlovic almeno isner oltre al servizio scambia a fondo campo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy