John McEnroe al veleno contro Lorenzi e Kyrgios: “Paolo era preoccupato di vincere per un challenger in Italia. Nick, vuoi fare il professionista?”

John McEnroe al veleno contro Lorenzi e Kyrgios: “Paolo era preoccupato di vincere per un challenger in Italia. Nick, vuoi fare il professionista?”

Dichiarazioni al veleno dell’ex numero 1 del mondo John McEnroe. L’americano, 7 volte campione Slam e attualmente cronista per ESPN, schernisce Paolo Lorenzi, sconfitto dal numero 2 del ranking Andy Murray nel terzo turno degli US Open. Non manca un attacco anche per Nick Kyrgios: John critica l’atteggiamento del giovane australiano e pone dubbi sul suo effettivo interesse per il tennis.

“LORENZI? AVEVA PAURA DI VINCERE PER UN CHALLENGER IN ITALIA”- Sembrava una missione impossibile, e infatti alla fine si è dovuto arrendere, ma Paolo Lorenzi ha regalato davvero tante emozioni  nel terzo turno di finale contro il numero 2 del mondo Andy Murray. “Paolino”, nonostante la sconfitta, è riuscito a fare partita pari contro il fuoriclasse scozzese per due set, strappando addirittura un insperato 7-5 nella seconda frazione. Insomma, per un tennista che per anni è rimasto fuori dai primi 100 e non aveva mai superato il secondo round in un major, questo incontro tutto rappresenta eccetto che un fallimento.

Non la pensa così, però, John McEnroe. Lo statunitense, ex numero 1 del mondo e 7 volte campione Slam considerato all’unanimità uno dei più talentuosi giocatori della storia, ha infatti schernito l’azzurro con parole al veleno. L’americano ha affidato al suo attacco a twitter, “cinguettando”: “Lorenzi probabilmente era preoccupato di vincere perché la settimana prossima deve giocare un challenger in Italia”. Un’ironia francamente inspiegabile, e che sorprende: che senso ha attaccare un tennista che ha raggiunto a più di 30 anni il suo miglior risultato in carriera e che ha dato l’anima in campo in questo modo?

“KYRGIOS, DICCI COSA VUOI FARE NELLA VITA”- John non risparmia neanche Nick Kyrgios. La giovane promessa australiana negli ultimi tempi sta facendo parlare di sé più per le scenate in campo e le dichiarazioni strampalate, e qui a New York è stato costretto al ritiro nel suo match contro Ilya Marchenko al terzo turno. L’americano, parlando ai microfoni di ESPN, ha criticato questo atteggiamento e l’apparente disinteresse di Nick per il tennis: “Dicci cosa vuoi fare nella vita. Non vuoi essere un tennista professionista? Allora fai qualcos’altro”.

19 commenti

19 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Vittorio Melchionda - 1 anno fa

    Con grande rispetto, John Mc Enroe è proprio un bel idiota. Aggiungo inoltre che visto il talento regalatogli dalla sorte, si può dire che ha fatto una carriera più modesta di Lorenzi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabrizio Scalzi - 1 anno fa

    Si ricordi john che a 25 anni era già finito tennisticamente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. McEnroe genio in campo ma mediocre nel resto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Simona Spoto - 1 anno fa

    Grande Mc
    Dopo di te il tennis è diventato noioso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paolo Illuminati - 1 anno fa

    Magari era solo una battuta infelice ma solo una battuta !! Comunque grande Paolino!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Roberta Gatti - 1 anno fa

    Ma ha ragione in pieno dai, siamo onesti, un giocatorucolo di serie B che trova il suo momentaneo sprazzo di semi-gloria (un set vinto!) e voi a incensarlo come avesse fatto chissà che. Grande Supermac sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mauro Zambelli - 1 anno fa

    Miglior risultato in carriera in uno Slam, Miglior Ranking Atp a 34 anni, 20 anni di Challenger settimana dopo settimana in giro per il mondo per compensare il “minore” talento di tanti altri e mi tocca di sentire questa BASSA ironia …john vai a pulire le righe nella tua accademia che forse impari il significato del sacrificio✔️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Natalino Tomasi - 1 anno fa

    Cazzate a tempo perso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Adriano Il Dido - 1 anno fa

    Mi sa che forse non avete capito bene… McEnroe sostiene, e a ragione, che purtroppo Lorenzi è sempre stato più dietro ai challenger che ai tornei ATP. Cosa vera peraltro. Forse giocando più ATP sarebbe potuto arrivare ad essere un tennista migliore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Luca Shalfi Dal Fitto - 1 anno fa

    Magari le 5 ore con Simon si sono fatte sentire…Lorenzi ha corso come un pazzo,ha oggettivamente perso una gran occasione nel primo set (e due set a zero avanti,col senno di poi…chissà)…va detto che nel terzo e quarto set Murray è salito di livello

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Marco Genovese - 1 anno fa

    Secondo me invece ha avuto un leggero calo fisico che lo faceva arrivare un pelo in ritardo ….
    Ma se arrivi li e a quel punto prova tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Marco Genovese - 1 anno fa

    In effetti Lorenzo aveva la possibilita’ di passare il turno….al terzo set non capisco cosa sia successo…
    L ‘ opinione del Mc e’ che secondo lui si e’ accontentato di vincere un set…
    Se fosse cosi un po’ di ragione ce l ha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Paolo Valerioti - 1 anno fa

    Sempre stato un po’ cretino fuori dal campo da tennis!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Silvana Derosas - 1 anno fa

    Grande tennista, ma ….. Piccolo uomo. Più è antipatico, più é contento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Andrea Casagrande - 1 anno fa

    Questo pensa di essere il charlie hebdo del tennis…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Bastianel - 1 anno fa

      Esatto provocante,ma a volte la fa fuori dal vaso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Marisa Stronati - 1 anno fa

    È stato sempre il top dell’antipatia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Elena Gatto - 1 anno fa

    Ma che vuole questo? Onore a Paolone !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Livio Chiametti - 1 anno fa

    Idiota di merda

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy