Juan Martin Del Potro rivela alcuni indizi sul suo nuovo coach

Juan Martin Del Potro rivela alcuni indizi sul suo nuovo coach

Il campione argentino, uscito di scena a sorpresa contro Ernests Gulbis, ha voglia di ripartire e dare il meglio durante la stagione del cemento americano. Sulla sua condizione ha aggiunto: “Fisicamente sono al 50%”.

È stato un grandissimo giocatore e non è argentino“. Ecco due importanti indizi lasciati da Juan Martin Del Potro sul suo nuovo allenatore che lo seguirà a partire dall’inizio della stagione sul cemento nordamericano, che inizierà a fine luglio (giocherà i tornei di Washington, Montréal, Cincinnati e Us Open).

source

Il colosso di Tandil, sconfitto al secondo turno di Wimbledon dal lettone Gulbis, ha aggiunto che il nuovo coach avrebbe dovuto seguirlo sin dai tornei su terra rossa, cosa che non è avvenuta a causa della morte di suo nonno, avvenuto durante il torneo di Estoril. Delpo ha ammesso di aver chiesto a Pete Sampras e a Gustavo Kuerten se volessero diventare il loro coach, ma entrambi hanno rifiutato, anche se il campione brasiliano non ha escluso che potrebbe seguirlo in futuro. Sulla sua sconfitta a Wimbledon, ‘Palito’ ha detto di non essere così preoccupato: “Non sento pressione – ha aggiunto -, e penso sia positivo che la gente pretenda da me di più, perché credono che possa fare meglio. Fisicamente ora sono al 50% della forma, ma sono tranquillo perché so che posso migliorare. Anzi, sto migliorando, anche se per ora non sto raggiungendo quello che i miei fan si aspettano da me”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy