Murray vuole ritornare a giocare: “Non sento più dolore”

Murray vuole ritornare a giocare: “Non sento più dolore”

L’ex n. 1 del mondo, che si era ritirato dopo il primo turno perso agli Australian Open 2019 contro lo spagnolo Agut, ha dichiarato che potrebbe tornare a competere: “Non sento più male. La riabilitazione è ancora lunga, ma vorrei tanto tornare a giocare”. Ci sono speranze di rivederlo a Wimbledon?

di Redazione Tennis Circus

Non è stata ancora scritta la parola “fine” nella carriera di Andy Murray: il campione britannico ha dichiarato che l’intervento chirurgico all’anca si è concluso positivamente e che spera di tornare in campo quest’estate. Se così accadesse, diventerebbe il primo giocatore professionista con una protesi di metallo all’anca, inserito mediante operazione a fine gennaio 2019. “Voglio continuare a giocare – ha dichiarato Murray durante un evento per uno sponsor a Londra -, l’avevo già detto in Australia. Il problema è che ancora non so se sia possibile. Però non ho più dolore all’anca, dopo tanto tempo. La riabilitazione è lenta, ma sta migliorando: devo solo aspettare e capire quali progressi ci saranno. Se sarà possibile, mi piacerebbe davvero tanto tornare a giocare”.

Prima degli Australian Open il dolore era così forte tanto che l’ex n. 1 del mondo aveva fatto capire che il suo ritiro sarebbe stato definitivo: tuttavia, già a partire dal rocambolesco primo turno perso contro lo spagnolo Roberto Bautista-Agut, aveva dato qualche spiraglio sulle possibilità di un suo ritorno in campo. La vera domanda è: Murray, campione di Wimbledon nel 2013 e nel 2016 (e campione, in quegli stessi campi, delle Olimpiadi 2012), riuscirà a tornare a competere in tempo per lo Slam londinese? Forse sì, ma dovrà accelerare il periodo di recupero mediante una intensa riabilitazione fisica.

andy-murray

Murray non è certo il primo sportivo che si è fatto impiantare una protesi metallica all’anca per tornare a competere, come diversi giocatori di hockey su ghiaccio. Nel tennis il primo di tutto era stato la leggenda di doppio statunitense Bob Bryan, all’età di 40 anni. Andy Murray ha nove anni in meno di Bryan, ma è chiamato a competere nel singolare, dove la prestazione fisica deve essere eccellente per competere ad alti livelli.

andymurrayhipsurgery2901a

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Carla Sottocorno - 2 settimane fa

    Auguri di completa guarigione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giovanni Rigatti - 2 settimane fa

    Bentornato Andy …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fausto Achilli - 2 settimane fa

    Non fa Cazzate !!! Pensa al futuro!!! Sei stato Bravo !! Non sottovalutare la Protesi dell’anca!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Sandro Bergianti - 2 settimane fa

    Forza Andy !!! Ce la farai!!?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Enrico Carrossino - 2 settimane fa

    Se torna tutto a posto a dovere (da fermo forse si può già allenare) tornerà sui suoi standard, e magari pure al vertice.
    Da quel che so l’operazione ha permesso a Mike Bryan a tornare regolarmente in doppio a 40 anni, mentre sui singolaristi non ci sono precedenti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alessandra Amici - 2 settimane fa

    Dài dài…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Andrea Varriano - 2 settimane fa

    Speriamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy