Parla Rafter:” Non ci sono più le superfici veloci!”

Parla Rafter:” Non ci sono più le superfici veloci!”

Anche l’ex numero 1 del mondo ritiene che le superfici odierne siano molto lente rispetto al passato, aggiungendo che anche i tennisti di oggi sono monotoni con il loro stile di gioco. Ha ragione?

16 commenti

Pat Rafter ci ha fatto divertire, con il suo gioco e stile unico. Giocatore da campi veloci, commenta la polemica che si sta alzando sulla questione campi: si stanno appiattendo le differenze o non è cosi?

US OPEN- La polemica è iniziata durante gli Us Open, dove molti addetti ai lavori e giocatori, si son lamentati di questo presunto cambiamento del campo americano, ritenendolo molto lento rispetto gli scorsi anno. La risposta degli organizzatori è stata chiara: No, non è per niente cosi. Rafter non ci sta e dice la sua riguardo questa vicenda interessante:”Oggi non ci sono quasi più campi davvero veloci e questo è un peccato. Quando giocavo io c’erano gli specialisti dell’erba, quelli del rosso e poi i fuoriclasse che sapevano vincere dappertutto come Lendl, Sampras e Agassi i quali però potevano avere molti problemi sulla superficie a loro meno congeniale. Per questo si verificavano anche tante sconfitte dei più forti e ciò era magnifico perché rendeva tutto più incerto. Ma soprattutto era bello vedere affrontarsi atleti con stili davvero differenti mentre oggi giocano tutti lo stesso tennis e le sorprese sono molte di meno. Mi piacciono le superfici veramente differenti, alcune rapide e altre più lente, in modo che sia ogni volta una sfida”.

 

16 commenti

16 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Roberta Gatti - 1 settimana fa

    E meno male che a vedere bombe di servizio e uno scambio se va bene a punto ci stufiamo anche

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Minelli Marco - 1 settimana fa

    e meglio cosi altrimenti si vedrebbero solobdei karlovic e sai che noia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rosario Occhipinti - 1 settimana fa

    La morte del Serve & Volley è stata la morte del tennis..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giuseppe Sammaritano - 1 settimana fa

    Non e’ vero.
    Tre slam su quattro sono su superfici veloci cosi come I tornei maggiori.
    Grazie alle racchette di oggi non ci sono piu’ pallettari …anche le donne possono fare punti da fondocampo. Palleggiare aspettando l errore dell avversario non e’ piu’ possibile e questo vale anche a livello amatoriale.
    Perfino sulla terra battuta gli scambi si sono accorciati e non si va piu’ oltre I 3 – 4 colpi a punto.
    Anzi bisognerebbe rallentare I campi in cemento ….e allora si punterebbe di nuovo sulla tecnica e sulla varieta’ dei colpi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Nicola Devotoh - 2 settimane fa

    Vero, manca la fantasia e la tecnica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Antonio Deiana - 2 settimane fa

    Si!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Riccardo Garbarino - 2 settimane fa

    Ne ha 1000 di ragioni, il tennis è diventato noiosissimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Rick Mariani - 2 settimane fa

    Amen

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Davide Tammaro - 2 settimane fa

    Saranno punti di vista ma sinceramente io preferisco i lunghi scambi accelerazioni improvvise da fondo con discese a rete ecc. sui campi veloci due colpi e fai punto e non c’è gusto ……per me logicamente che sia ben chiaro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Giulio D'Errico - 2 settimane fa

    Non ci sono più le mezze stagioni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Davide Tammaro - 2 settimane fa

      Giulio D’Errico sei un grande

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Romualdo Errico - 2 settimane fa

    È un dato di fatto e, di conseguenza, si intuisce chi ha favorito….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Romualdo Errico - 2 settimane fa

      L’unico, immenso, “pallettaro” è stato Borg! L’unico in grado di vincere sull’erba “vera”….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Daniele Crisci - 2 settimane fa

    Assolutamente vero. Vai a vedere che l’erba di oggi è più lenta della terra!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Minelli Marco - 1 settimana fa

      vero e un bene per il tennis

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Diego Olivieri - 2 settimane fa

    Non è che ha ragione, di più..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy