Rafael Nadal: “Avrei preferito essere nella parte alta. Gli ottavi con Federer? Sarebbe bello”

Rafael Nadal: “Avrei preferito essere nella parte alta. Gli ottavi con Federer? Sarebbe bello”

Dopo la vittoria all’esordio con Guido Pella nel secondo turno di Indian Wells, l’ex n. 1 spagnolo parla delle sue condizioni e del caldo torrido che ha condizionato la partita.

2 commenti

Rafael Nadal ha iniziato alla grande il suo 2017. Certo, non ha ancora vinto un titolo, mancando clamorosamente le finali agli Australian Open (sconfitta contro Roger Federer) e ad Acapulco (contro Sam Querrey). Eppure il fatto che sia ritornato fra i migliori fa ben sperare per la stagione sulla terra rossa, dove ha raccolto i successi più grandi. Per il momento lo spagnolo rimane a galla sul cemento del Master 1000 di Indian Wells, dopo aver battuto l’argentino Guido Pella in due set, nonostante il caldo torrido del deserto californiano che lo ha fortemente debilitato. 

“CALDO INSOPPORTABILE” – “Non è stato certo facile giocare in queste condizioni – ha detto Rafa Nadal in conferenza stampa dopo aver superato il secondo turno – il caldo era quasi insopportabile, ma sono contento di aver tenuto duro. Gli esordi sono sempre difficili, per di più contro un mancino. Ma sono felice di aver gestito bene la situazione”. Nadal ha parlato delle condizioni di gioco: “Non è semplice trovare ritmo, perché i rimbalzi sono molto alti e la palla è difficile da controllare. Ma se sto bene sono in grado di fare vincenti senza prendere troppi rischi e questo è importante per me”. Rafa ha poi fatto un commento sul tabellone del torneo, che lo vede dalla stessa parte di Novak Djokovic e di Roger Federer, che potrebbe affrontare agli ottavi: “Onestamente sarei stato più contento di trovarmi nella parte alta del tabellone – ammette – comunque sia, cerco come sempre di pensare solo al prossimo turno e a non guardare oltre. Certo, sarei felice di potermi misurare di nuovo con Roger, ma prima devo vincere un match”. Il maiorchino si è detto infine soddisfatto dell’inizio stagione: “Non ho giocato male mai nessuna partita. Ho fatto grandi prestazioni a Melbourne e Acapulco. Vedremo cosa farò qui”.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Romeo Pavidini - 9 mesi fa

    Possono essere sinceri anche gli ” altri ” eh…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ciro D'Elia - 9 mesi fa

    Schietto e sincero non come altri che si dicono felici di essere in questo “quarto della morte”

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy