Scintille Stephens-Pavlyuchenkova, provvedimento in arrivo per l’americana?

Scintille Stephens-Pavlyuchenkova, provvedimento in arrivo per l’americana?

“That fuc*ing b*tch tried to hit me”. Queste le parole pronunciate da Sloane Stephens, che non ha gradito uno smash della sua avversaria un po’ troppo al corpo e neppure apprezzato particolarmente il fisio chiamato dalla russa sul 5-2 nel secondo set. (VIDEO)

di Antonio Sepe

Il primo turno del torneo di Pechino che ha visto Sloane Stephens ed Anastasia Pavlyuchenkova darsi battaglia per tre set, non è stato certo un match banale, anzi si è rivelato protagonista di due situazioni particolarmente scomode e che sarebbe meglio non vedere sul campo da tennis. La prima, come d’altronde la seconda, porta la firma della tennista statunitense, che, avanti 3-0 nel terzo set, si lascia andare ad un “That fuc*ing b*tch tried to hit me”, che si traduce letteralmente in italiano con “La put*ana ha provato a colpirmi”. In effetti, lo smash della russa è piuttosto al corpo, ma è altrettanto vero che queste parole sono frutto di tanta tensione e tanto stress in una situazione del match assai delicata. Per quanto questo episodio, indiscutibilmente grave, non abbia scatenato reazione della russa, che con ogni probabilità non si è accorta o comunque non ha potuto ascoltare le parole della statunitense, ce n’era già stato un altro pochi minuti prima.

In questo caso, è appena terminato il set, 6-4 in favore della Stephens, che ancora una volta attacca la sua avversaria. Durante il cambio campo infatti, Sloane punta il dito contro la russa e la accusa di aver chiamato un fisio ridicolo sul 5-2, proprio quando lei stava servendo per il set, sostenendo che non fosse infortunata davvero e che lo abbia fatto solamente per secondi fini. Ovviamente la Pavlyuchenkova non sta lì a guardare ma risponde a tono, tanto che l’arbitro dell’incontro, la cinese Zhang, è costretta a scendere dalla sedia per fare da moderatore della situazione.

Un incontro molto combattuto in campo ma anche fuori. Se però da una parte si può tollerare lo sfogo di Stephens al termine del secondo set, diverso il discorso per le parole grosse pronunciate dopo. Inevitabilmente questa scena richiama alla finale degli Us Open, dove la protagonista, in negativo, fu Serena Williams, che non se la prese con la sua avversaria bensì con l’arbitro. Per lei, arrivarono 17.000 dollari di multa; cosa succederà invece a Stephens?

In conclusione, una domanda che purtroppo riecheggia nella testa è: se i due fatti fossero accaduti a parti invertite, e cioè con Serena Williams e la Stephens vittime, si sarebbe parlato di razzismo, ingigantendo il caso, oppure non sarebbe cambiato nulla?

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Antonio Quarta - 2 settimane fa

    E comunque bitch in questo contesto si traduce come ” stronza”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antonio Quarta - 2 settimane fa

    Cazzo c’entra il razzismo ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Leopoldo Gentile - 2 settimane fa

    Scuola Williams Giuseppe

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesca Falchi Farris - 2 settimane fa

    La risposta probabilmente è sì

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giulia Bastoni - 2 settimane fa

    Tiziano Bastoni serenon insegna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Fabrizio Bassani - 2 settimane fa

    La williams coi suoi comportamenti da cretina e giustificata dai suoi sudditti……porta a questo…..bell’esempio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mat Somma - 2 settimane fa

    Enrico Adamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Enrico Adamo - 2 settimane fa

      Tutto regolare..ahahahah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Marco Mariani - 2 settimane fa

    Scuola Williams?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Patrizia Zotti - 2 settimane fa

      Marco Mariani se parli per dare aria alla bocca sarebbe oppurtuno il silenzio se il motivo non lo conosci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Federico Colelli - 2 settimane fa

      Patrizia Zotti ancora a difendere l’indifendibile Serena? Un po’ di obiettività non guasterebbe.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Marco Mariani - 2 settimane fa

      Infatti non parlo ma scrivo.
      E l’aria è evidentemente entrata a lei nel cervello.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Tornyánszki Vidoslava - 2 settimane fa

      Marco Mariani , Federico Colelli:
      Basta di questo!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Patrizia Zotti - 2 settimane fa

      Sinceramente avete rotto cho cacchio siete voi non ho capito ..datevi na calmata

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy