Severin Lüthi: «Federer è come una carta di credito, si deve ricaricare»

Severin Lüthi: «Federer è come una carta di credito, si deve ricaricare»

Il coach del n. 3 al mondo e capitano del team svizzero di Coppa Davis ha assicurato: «Roger non si opererà di nuovo al ginocchio, ha solo bisogno di tempo per rimettersi in sesto…»

3 commenti

A due giorni di distanza dall’annuncio shock di Roger Federer, che tramite la sua pagina Facebook ha dichiarato che non giocherà più nel 2016, il suo coach Severin Lüthi, capitano svizzero di Coppa Davis, ha espresso il suo punto di vista alla testata svizzera aargauerzeitung.ch: «Un’altra operazione al ginocchio non sarà necessaria, tutto il tempo che avrà a disposizione servirà per rimettere a posto il suo ginocchio. In fondo un intervento chirurgico ha sempre delle conseguenze, e di certo Roger non ne è esente. Ora ha perso dal punto di vista muscolare ed è per questo che rischia di farsi ancora del male. Anche i problemi alla schiena hanno influito sulla sua scelta. Insomma, la sua condizione si può paragonare a una carta di credito: a volte si deve ricaricare. Federer ritornerà molto forte e la classifica che avrà [a inizio 2017, quando probabilmente sarà intorno alla 15esima posizione] non sarà un problema».

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Enrico Preda - 1 anno fa

    Rafa è una cassa continua Stefano Alessio Marco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabio Fabbri - 1 anno fa

    Sono le carte di debito quelle ricaricabili …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Massimo Miranda - 1 anno fa

    Luthi forse e’ l’unico vero amico che ha Roger.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy