Stefan Edberg: “Il mio idolo è stato Borg, il tennis di oggi è affascinante ma ha poche variazioni”

Stefan Edberg: “Il mio idolo è stato Borg, il tennis di oggi è affascinante ma ha poche variazioni”

L’ex coach di Roger Federer, famoso per il suo gioco serve e volley rivela che il suo idolo era Borg e parla della sua visione del tennis moderno

di Alex Bisi, @AlexBillyBisi

Lo svedese Stefan Edberg ha rilasciato a India Today un’intervista dove ha spaziato su vari argomenti.

“Il mio gioco era serve e volley, era la mia arma migliore ed ho espresso il mio miglior tennis. Oggi il tennis è molto cambiato, i materiali con cui son costruite le racchette e le corde hanno influito su questo cambiamento, i campi poi son più lenti e far quel gioco è più difficile.”

Visto lo stile di gioco di Edberg sorprende un po’ la risposta su chi fosse il suo idolo in gioventù.

“Il mio idolo era Borg che aveva un gioco opposto al mio. A 15 anni facevo già serve e volley, a 16 anche sulla seconda, volevo intraprendere la mia strada e far quello che mi riusciva meglio.”

Non può ovviamente mancare la domanda sulla storica rivalità con Boris Becker che curiosamente si è riproposta da allenatori quando il tedesco era al servizio di Novak Djokovic.

Si è sviluppata nel tempo. Abbiamo giocato più volte ai tempi juniores, siamo cresciuti insieme e abbiamo circa la stessa età. E’ stata una rivalità molto salutare per entrambi, era un avversario molto duro. Abbiamo giocato tre finali di Wimbledon consecutive e avremmo potuto giocare la quarta, ma non è successo. Abbiamo giocato un’enormità di serve and volley, i campi e le palline erano un po’ più veloci ed era li che si vincevano le partite. Era un grande tennis, anche quello di oggi è molto affascinante, ma ovviamente se dovessi scegliere qualcosa da cambiare, vorrei vedere qualche variazione in più.”

 

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giorgio Codeluppi - 6 giorni fa

    Edberg .servizio 9 -dritto 8 – rovescio 9,5 -tattica 8

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gilberto Rizzini - 7 giorni fa

    Ho solo trovato ridicola la frase di Edberg…Come si fa a criticare il tennis attuale sostenendo che ha poche variazioni ed elevare Borg ad idolo, che in quanto a variazioni, era lo zero assoluto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio Codeluppi - 7 giorni fa

    Un campione stefann

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Silvio Mia - 7 giorni fa

    Grande Stefanello, mio idolo di allora

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Califano - 7 giorni fa

    Giocatore incompleto (vedi diritto) e palloso nel suo serve and volley. Servizio kick efficace, ma stucchevole (sempre lo stesso).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Luca Carboni - 7 giorni fa

    Edberg + Wilander = Borg /5

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Massimo Mangiarotti - 7 giorni fa

    Gilberto Rizzini. Noi dobbiamo accntentarci del furicasse Fogna . Che differenza. O no.?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Giuliana Cau - 7 giorni fa

    Un tennista distante anni luce da Stefan, ma senza Borg la Svezia non avrebbe mai dato impulso al movimento tennistico più florido tra la fine degli anni 80 e i primi 90.
    Grande Edberg, un campione da 10 e lode.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Gilberto Rizzini - 1 settimana fa

    Beh, hai eletto a idolo uno che era inesistente in quanto a variazioni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Sandra Cedrati - 7 giorni fa

      Gilberto Rizzini vero

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy