Zverev: “Becker non sarà il mio allenatore. Federer è il più simpatico”

Zverev: “Becker non sarà il mio allenatore. Federer è il più simpatico”

L’attuale numero 5 della classifica mondiale ha rivelato alcuni dettagli dietro alla sua recente separazione dal coach Ferrero e ha sottolineato come Roger fuori dal campo sia molto diverso da come lo si possa immaginare.

di Riccardo Costarelli, @rickycostarelli

Intervistato dal Bild, Alexander Zverev ha rivelato che esiste un gruppo Whatsapp in cui sono inclusi tutti i componenti della squadra europea della Laver Cup: Roger Federer, Dominic Thiem, Rafael Nadal, Marin Cilic, Tomas Berdych ed ovviamente lo stesso tedesco.

Roger è il più simpatico di tutti, gli piace mandare barzellette e video divertenti. Non ci credereste mai se non lo conosceste. Nadal invece risponde invece di inviare qualcosa. Roger e Rafa sono stati grandi rivali sul campo ma vanno molto d’accordo. C’è grande rispetto,” ha detto Sasha.

Zverev ha poi commentato il suo stato di forma fisica. “Ho messo su 16 kg dal 2014 solo di muscoli. Sono diventato più forte è più veloce, ma questo ha anche modificato il mio gioco. A volte quando sono sulla terra rossa mando le palline fuori campo”. Il ventenne tedesco ha poi continuato dicendosi anche convinto di poter vincere sia uno Slam che la Coppa Davis con la sua Germania. “Nella mia carriera ho battuto il mio idolo Roger Federer e anche giocatori come Novak Djokovic. Sono sicuro che se mi concentro su di me, non ci vorrà tanto tempo per vincere uno Slam”.

ferrero-zverev-washington-2017-saturday-practice

Ma al momento la situazione più confusa pare essere quella riguardante il suo coach. Infatti in una intervista rilasciata a Marca, Sasha ha confessato di aver interrotto la collaborazione che Ferrero a causa di alcune incomprensioni sorte sul campo: “Abbiamo modi diversi di vedere il tennis e in Australia c’è stata una piccola discussione. Così abbiamo deciso che sarebbe stato meglio metter fine alla collaborazione.”

Non si sa dunque chi sarà al suo fianco, visto che anche le voci che lo vedevano vicino a Boris Becker sono state smentite. “È un onore per me poter contare su di lui, Boris è una persona molto positiva. Ascolto solo persone di cui ho fiducia e lui è una di queste. Sarà in Coppa Davis e in alcuni tornei ma non direi che lavorerà come mio allenatore“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy