Meglio il “nuovo che avanza” o il “vecchio che resiste” ?

Meglio il “nuovo che avanza” o il “vecchio che resiste” ?

Forse non c’è una regola, ma a mio avviso per il tennis italiano sarebbe opportuno sostenere il “giovane” e non un giocatore agli sgoccioli, che spara le sue ultime cartucce. Tuttavia la mia rimane un’opinabile opinione

3 commenti

Il torneo Challenger di Fano che si sta disputando questa settimana prevede un’affluenza di pubblico massiccia, molti appassionati e non, accalcano le tribune del circolo. Malgrado il torneo non è disponibile nel consueto streaming, vi assiuro, essendoci stato in prima persona, che il centrale è sempre gremito di appassionati e con tribune sistemate nei 4 angoli del campo. In realtà a Fano ho visto un unico match, quello che personalmente mi interessava, ossia Volandri – Eremin.

Vi voglio parlare di questo match perchè mi ha colpito negativamente il comportamento del pubblico, non che si sia comportato in maniera scorretta nei confronti di uno dei due giocatori, ma sostanzialmente ha preso in maniera evidente le parti di uno dei due giocatori, in questo caso Volandri. Non nascondo che ci sono rimasto male, non solo perchè tifo Eremin ma per tutta una serie di motivi che fatico a concepire.

Molta gente ormai assiepa le tribune del torneo non più per mera passione e divertimento, ma perchè in possesso di una “bet”, prima del match o magari anche durante il match. Scelgono secondo personalissimi criteri quale dei due tennisti possa vincere il set o il match. Inizialmente mi ero accomodato nella tribuna di fronte all’arbitro in quanto meno affollata in virtù di un caldo sole. Dopo soli 3 game e qualche incitamento verso Dodo (Edoardo per tutti è Dodo) decido di cambiare tribuna in quanto alla mia sinistra c’è un manipolo di ragazzi che ha palesemente scommesso Volandri pre-match e lo incitava a gran voce. Cambiando tribuna gli animi erano quantomeno più distesi, ma la differenza di “decibel” che accompagna i punti vinti da Volandri e Eremin era evidente, purtroppo il pubblico di Fano era chiaramente dalla parte del toscano.

In cuor mio mi auguravo che il mio malessere passasse agile e in scioltezza ma qualcosa mi è rimasto.

  1. Fra i due italiani perchè tifare il giocatore a fine carriera e non aiutare il “nuovo che avanza” ?
  2. Sulle tribune ci sono più appassionati o più scommettitori ?
  3. Il pubblico aveva la possibilità di tifare un giocatore, giovane, in rampa di lancio, PULITO,ONESTO, ETICAMENTE CORRETTO, talentuoso e invece sceglie il livornese che nel 2007 è stato protagonista di alcuni match “sospetti”, con movimenti di quote alquanto bizzarri ma non voglio entrare nel merito. L’italiano ha la memoria corta ?

EDOARDO EREMIN FAN CLUB

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Stefano Pisciotta - 5 mesi fa

    Aldilà dell’aspetto scommesse, in tutti i circoli italiani il tifo è unanime per Filo Volandri, neanche fosse il Federer italiano, che ci sia un giovane o un altro “vecchio” dall’altra parte. Sarà che il pubblico è sempre un po’ vecchiotto, non conosce l’evoluzione subita dal tennis, sarà che a me sta antipatico a prescindere ma questa situazione ha sempre stupito anche me e non poco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ognuno tifa per chi vuole!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Ignazzi - 5 mesi fa

      Per carità, giustissimo, ma personalmente mi piacerebbe capirne i motivi che stanno alla base. Può essere come ha detto Stefano…. E allora ok

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy