Mondo Challenger: sette italiani in campo

Mondo Challenger: sette italiani in campo

A Bratislava faranno il loro esordio Arnaboldi, Donati e Sonego, mentre Paolo Lorenzi e Federico Gaio cercheranno di farsi valere sulla terra battuta di Montevideo. In Francia, invece, scenderanno in campo Simone Bolelli e Stefano Travaglia.

di Pierluigi Serra, @pierluigi_serra

Bratislava

Il Challenger slovacco vedrà subito due italiani contendersi un posto negli ottavi di finale; la sorte, infatti, in maniera piuttosto beffarda, ha deciso di far scontrare subito al primo turno Matteo Donati (n. 225 Atp) e Lorenzo Sonego (n. 106 Atp). Il match tra i due azzurri è in programma per le 11:00.

Andrea Arnaboldi (n. 183), invece, dovrà vedersela con il ventiduenne austriaco Sebastian Ofner. Nella giornata di oggi faranno il loro esordio anche Lukas Rosol e Marcos Baghdatis, rispettivamente impegnati contro Johannes Haerteis e Filip Horansky.

Montevideo

Sulla terra uruguaiana Paolo Lorenzi esordirà contro l’argentino Federico Coria (n. 322 del mondo), un primo turno piuttosto tranquillo per l’esperto giocatore senese. Decisamente più complicata la situazione di Federico Gaio, chiamato ad una grande prova contro il ben più quotato serbo Pedja Krstin.

Tra i tanti specialisti della terra battuta che scenderanno oggi in campo, si segnalano in modo particolare Bagnis, Berlocq e Cuevas.

Mouilleron-Le-Captif

Stefano Travaglia e Simone Bolelli hanno preferito il rapido cemento francese alla terra sudamericana e se la vedranno rispettivamente con il giovanissimo belga Zizou Bergs e il francese Quentin Halys. Il sorteggio non è stato assolutamente malvagio per i due azzurri, che, però, dovranno evitare a tutti i costi di sottovalutare i loro avversari.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy