Torino Challenger: primo turno

Torino Challenger: primo turno

Al challenger di Torino (42500 € + h, terra outdoor) bene Matteo Donati e Filippo Volandri. Stop per Fabbiano, Vanni e ritiro per Giannessi. Buona la vittoria di Stefano Napolitano sul francese Guez. Fuori tante teste di serie.

Era da tempo che attendevamo un segnale positivo di Matteo Donati. Dopo l’infortunio alla schiena, lo stop e la ripresa un po’ a singhiozzo, ecco una partita autorevole del nostro talento contro il qualificato belga De Loore. Una vittoria senza se e senza ma che ci restituisce un giocatore molto determinato che ha fatto tutto bene in poco meno di un’ora di gioco.
Ci ha messo di più, molto di più, per portare a casa il match Filippo Volandri: a 35 primavere il livornese alterna i tornei alla cabina di commento di SkySport nei grandi appuntamenti, ma ruggisce ancora sulla terra rossa, sulla quale ha costruito una carriera importante. Oggi Filippo ha battuto in rimonta e in crescendo un altro belga, Yannick Mertens, assiduo frequentatore del circuito italiano sia a livello futures che Challenger. Il bagle finale ci dice che i colpi di Volandri in fiducia hanno ancora importanza nel circus del tennis: se il fisico lo assiste può dire la sua in questo torneo.
Volandri52.jpg
Bella vittoria anche di Stefano Napolitano, che invitato dall’organizzazione torinese porta a casa il match contro l’esperto francese David Guez. Un’ora e mezza di tennis molto intenso, caratterizzato da una buona sicurezza al servizio, perso una sola volta e difeso grazie a buone percentuali di realizzazione della prima palla e ben 7 aces. Ora un secondo turno contro il belga Coppeljans, vincitore ieri in volata contro un ottimo Lorenzo Sonego.

Blaz-Rola
Blaz-Rola

Moria di teste di serie: fuori, a sorpresta Thomas Fabbiano (seconda testa di serie del torneo) nel derby contro Edoardo Eremin, giocando a strappi e in modo piuttosto nervoso, fuori anche il brasiliano Rogerio Dutra Silva, prima testa di serie del seeding piemontese, fermato dallo spagnolo Blaz-Rola. Anche l’olandese Sijsling è fuori (testa di serie n.6) che gioca un match svogliato, come spesso gli accade a dispetto del suo talento indiscusso, contro il francese Millot, capace di imporre il suo tennis con un servizio granitico mai in discussione (una sola palla break offerta, per altro annullata). Per completare la moria di teste di serie c’è da registrare la sconfitta di un acciaccato Andrej Martin (n. 5) contro il qualificato Nikola Mektic.

Un tabellone quindi molto aperto, con favorito il portoghese Gastao Elias, in questo momento in discreta forma, ma è lecito attendersi qualche sorpresa, speriamo azzurra.

Qui i risultati di giornata.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy