Tutto pronto per il Challenger di Brescia

Tutto pronto per il Challenger di Brescia

Il “Città di Brescia”, giunto alla seconda edizione si conferma come uno dei Challenger più interessanti di tutto il circuito per partecipazione di top 100. Tanti gli italiani al via.

Il “Città di Brescia”, giunto alla seconda edizione si conferma come uno dei Challenger più interessanti di tutto il circuito per partecipazione di top 100. Tanti gli italiani al via.

Dal parterre decisamente interessante, domani prendono il via gli incontri del tabellone principale che dallo scorso anno si è ritagliato un posto d’elite nei circa 150 tornei Challenger che si giocano in tutto il mondo.

Sono 5 i giocatori compresi tra i primi 100 del mondo (Stakhovsky, Berankis, Granollers, Marchenko e Ilhan).

ricardas-berankis-60765331.jpg

Inoltre, il “cut-off”, la soglia tra gli ammessi in tabellone e quelli che dovranno giocare le qualificazioni, è fissato al numero 156 ATP, quarto miglior Challenger del 2015, addirittura migliore rispetto a quello del torneo ATP di Newport (che aveva chiuso al numero 162).

Per quanto rigaurda gli italiani già certi di un posto in tabellone Luca Vanni e Andrea Arnaboldi, entrambi con le armi giuste per fare bene sul Play-It bresciano. Le wild card decise dalla Federazione sono invece andate a Eremin, Mager e Sonego.

Dalle qualificazioni si potrebbero anche aggiungere gli altri azzurri Marcora, Pellegrino Borgo, e Di Nicola.

A Brescia ci sarà anche il francese Gregoire Barrere, classe 1994 e numero 234 ATP. Autore di una buonissima stagione, fa parte del progetto “On the Road” dell’azienda Tecnifibre, che sponsorizza e sostiene alcuni dei giovani più promettenti del tour. Essendo Pro Kennex tra gli organizzatori del torneo, nonché distributore in Italia del marchio Tecnifibre, l’invito al giovane francese è stato quasi automatico.

Tutto il torneo si giocherà in un’unica sede, il Centro Sportivo San Filippo. Oltre al bel campo centrale con una capienza di circa 2.500 spettatori, i giocatori avranno a disposizione altri due campi sia per i match che per gli allenamenti. Per un torneo Challenger, soprattutto al coperto, è una caratteristica molto preziosa e molto apprezzata dai giocatori.
 
La finale è stata anticipata al sabato, il che renderà ancora più preziose le giornate precedenti: mercoledì 18, ad esempio, ci saranno tutti gli ottavi di finale.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy