DELITTO PERFETTO (M FOR MURDER, ALFRED HITCHCOCK, 1954, 110′)

DELITTO PERFETTO (M FOR MURDER, ALFRED HITCHCOCK, 1954, 110′)

Hitchcock, il tennis e il delitto perfetto

Commenta per primo!

Ray Milland in "M for Murder"di I. Gradassi

Questa foto campeggia in una cornice in camera da letto in una delle scene chiave di quel meccanismo perfetto che è il thriller hitchcockiano visibile in 3D ancora per un paio di settimane nei cinema più avveduti della penisola.

Ray Milland, infatti, è il protagonista che prima cerca di far uccidere la moglie (una smagliante Grace Kelly) da un complice poi quasi riesce a farla condannare a morte per lo stesso delitto.
Il tennis è una presenza discreta in questo film ma importante: nessun immagine di gioco ma coppe sul camino e accenni importanti che fanno muovere la trama. Lo strano rapporto di coppia nasce dal fascino del tennista che però è lo stesso che provoca la rottura dovuta alle frequenti assenze per tornei.
Proprio l’annuncio dell’abbandono dei tornei ha fatto abbandonare l’amante. E sono i ritagli della carriera del marito che la moglie non riesce ad ordinare la scusa per lasciarla a casa la notte che deve avvenire il delitto.
Hitchcock ci suggerisce che solo la fredda amoralità di un tennista professionista può ideare a un delitto perfetto e cercare di venire a capo delle difficoltà improvvise che insorgono.
Una lettura che ci farà vedere con un brivido di inquietudine chi prende una racchetta in mano per mestiere.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy